Ginnastica, la Komova rischia i Mondiali! Russia verso Anversa

oa-logo-correlati.png

Viktoria Komova rischia seriamente di non partecipare ai prossimi Mondiali! Le condizioni di salute della vicecampionessa olimpica sono abbastanza incerte. Nelle ultime ore il virus intestinale si è “trasformato” (nel senso che ne abbiamo saputo di più) addirittura in una rara forma di meningite virale. Confermiamo che è stata dimessa dall’ospedale, ma ora si prospetta un periodo di riposo e di distacco dagli allenamenti. La convocazione risulta davvero difficile e lontana, ma mai dire mai.

 

Diamo per scontata, invece, la partecipazione della plurimedagliata olimpica e mondiale Aliya Mustafina. Al momento sembra essere quella più in forma. Se la Zarina dell’artistica giocherà bene le proprie carte in Belgio potrà portarsi a casa il suo secondo titolo mondiale individuale.

Chiaramente è anche la super favorita alle parallele, ma data la grande scarsità di traviste russe, la tartara potrebbe cogliere questa occasione per qualificarsi alla finale e aggiungere al suo medagliere l’unica medaglia che le manca. Il suo esercizio sui 10cm non brilla di stabilità, ma ha delle alte difficoltà.

Alcune voci di corridoio sostengono che ha intenzione di portare il difficilissimo triplo avvitamento Yurchenko al volteggio, elemento mai eseguito in gara prima d’ora. Sarà vero? O sarà uno dei soliti bluff della Rodionenko per “intimorire” le americane?

 

Convocazione certa anche per Ksenia Afanaseva. Dopo il successo agli scorsi Europei dove si è incoronata campionessa al corpo libero, e dopo le Universiadi dove ha mostrato le sue nascenti doti da vaulter, è la favorita numero uno per difendere il titolo che conquistò a Tokyo 2011. A causa della sua instabilità a parallele una medaglia nel concorso è abbastanza lontana, ma potrebbe vantare di un buon piazzamento individuale.

 

Tatiana Nabieva è dentro. Lo ha annunciato la Rodionenko dopo la sua vittoria alla Russian Cup, che fungevano da qualificanti per i Mondiali. Anche lei è una buona all arounder e un’ottima specialista alle parallele asimmetriche. Potrebbe dire la sua anche a volteggio.

 

La Grishina invece è fuori.  Non per malattia ma per un capriccio, a quanto annunciato in una recente intervista dalla Rodionenko. Poco prima dell’inizio della Russian Cup, la ginnasta ha lamentato un dolore alla schiena e si è ritirata dalla competizione. Questo ha fatto andare su tutte le furie la Direttrice Tecnica: la Grishina è antisportiva e quindi niente rassegna iridata per lei.
Questo è un vero peccato. Data l’assenza quasi certa della Komova, la Grishina è la migliore individualista e la migliore tra gli staggi dietro la Mustafina. Ai mondiali potrebbe andare a medaglia in tutte e due le finali, e perché no, anche a trave o corpo libero.

 

Sulla quarta ginnasta, invece, ci sono tantissimi dubbi.

Potrebbe essere la Paseka. Nonostante tutte le sue incertezze al volteggio, è una delle favorite per la medaglia, dopo le americane. È da tenere d’occhio anche alle parallele. Agli Europei ha mostrato di essere portata per questo attrezzo. Rinunciando a due ottime specialiste come Komova e Grishina, la Paseka potrebbe essere la seconda alla finale tra gli staggi.

 

Perchè non portare la Dementyeva? La squadra attuale non ha nessuna che eccelle alla trave. La campionessa europea 2011 potrebbe essere la ginnasta che porta la Russia sul podio alla finale per attrezzo. Le capacità le ha. Deve solo non lasciarsi sopraffare dalla tensione. Alle qualificazioni alle Universiadi ha eseguito uno splendido esercizio da 15.300!

 

Altre scelte? La Shelgunova sembra essere sparita dalla circolazione, probabilmente per infortunio.
La Rodionova non sembra avere le qualità giuste per farsi valere in campo internazionale. Forse la Sosnitskaya potrebbe essere una degna sostituta. Ai Russian Cup è salita su quasi tutti i podi. Ai mondiali il suo corpo libero potrebbe essere utile.

Altrimenti si potrebbe azzardare Anna Pavlova. È fuori dalle competizioni importanti da tanto tempo, anche se non ha mai smesso di competere. Potrebbe essere la sua occasione per un rientro a sorpresa.

 

Cliccate qui per leggere le possibili convocate dal versante USA.

 

Ester Vicentelli

Lascia un commento

scroll to top