L’Italia del tiro a volo non ha età

oa-logo-correlati.png

A rimpinguare il bottino azzurro a Nicosia ci hanno pensato Silvana Stanco prima nel trap, Diana Bacosi terza nello skeet ed Emanuele Bernasconi secondo nel double trap. Tre generazioni diverse con la Stanco nata negli anni ’90, la Bacosi negli anni ’80 e Bernasconi negli anni ’70.

Nel trap femminile Jessica Rossi potrebbe aver trovato il maggiore pericolo in casa: la Stanco infatti non ha avuto difficoltà ad adattarsi alle nuove regole, raccogliendo due podi nella stagione di debutto in World Cup. Numeri da autentica fuoriclasse per l’atleta del Corpo Forestale che vive a Winterthur (Svizzera) e si allena in Francia a Cernay. Due podi anche per la Bacosi nello skeet, anch’essa protagonista di un grande 2013 insieme all’altra skettista Chiara Cainero, assente a Nicosia.

La tappa cipriota ha visto infine un gradito ritorno al vertice per Emanuele Bernasconi, veterano azzurro che nella sua lunga carriera ha ottenuto risultati sia nel trap che nel double trap. Un podio che la Guardia Forestale non raggiungeva dal 2005, quando vinse nel trap a Belgrado.

MEDAGLIERE DOPO TRE TAPPE DI COPPA DEL MONDO

1. ITALIA  4-4-6 (14)
2. GRAN BRETAGNA  3-1-0 (4)
3. RUSSIA  2-1-2 (5)
4. AUSTRALIA  1-2-0 (3)
5. CINA  1-1-1 (3)
5. USA  1-1-1 (3)
7. NORVEGIA  1-1-0 (2)
8. SLOVACCHIA  1-0-0 (1)
8. KUWAIT  1-0-0 (1)
10. SVEZIA  0-1-0 (1)
10. CIPRO  0-1-0 (1)
10. CROAZIA  0-1-0 (1)
10. REP.DOMINICANA  0-1-0 (1)
14. GERMANIA  0-0-2 (2)
15. SPAGNA  0-0-1 (1)
15. EMIRATI ARABI UNITI  0-0-1 (1)
15. AUSTRIA  0-0-1 (1)

francesco.drago@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top