Serie A1: assenti e presenti ad Ancona: chi vincerà?

Nel tardo pomeriggio di ieri sono usciti i tanto attesi nomi delle ragazze che parteciperanno alla prima tappa del campionato di Serie A1 di ginnastica artistica (cliccate qui per conoscerle tutte) in programma ad Ancona per sabato 9 febbraio.

Abbiamo notato subito l’assenza di due big. Erika Fasana, olimpica a Londra 2012 e tesserata per la Brixia Brescia, ha ripreso gli allenamenti al 100% solo da pochi giorni dopo un infortunio alle tibie: si spera di recuperarla per i prossimi appuntamenti. Lara Mori, argento a squadre agli ultimi Europei juniores e tesserata per la Giglio Montevarchi, si è operata al ginocchio a inizio dicembre e deve ancora riprendere i ritmi giusti ed è meglio non forzare il rientro.

Non saranno presenti neanche Francesca Benolli (Artistica ’81) e Jessica Helene Mattoni (World Sport Academy), reduce da un’operazione alla mano. Francesca Deagostini non ha ancora riavuto l’idoneità sportiva dopo l’operazione di ottobre. Serena Licchetta dovrebbe regalarci una sorpresa nel weekend, ma solo domenica. Emily Armi non sta benissimo.

 

Sarà un appuntamento di transizione, il primo in Italia con l’uso del nuovo codice dei punteggi. Il primo del quadriennio che porterà a Rio de Janeiro. Importante sarà rompere il ghiaccio.

La Gal Lissone deve difendere lo scudetto conquistato l’anno scorso. Sabato chiereranno solo quattro atlete, ma due sono olimpiche: Carlotta Ferlito ed Elisabetta Preziosa. Gli occhi sono puntati, però, su Elisa Meneghini alla prima uscita da seniores. Il bronzo alla trave degli ultimi Europei juniores sembra motivatissima a mettersi in luce. La stimolerà la grande amica Alessia Praz.

La grande rivale Brixia Brescia, a bocca asciutta da due anni e ora appaiata con la Gal in testa all’albo d’oro (undici titoli a testa), riparte per strappare il tricolore dai body brianzoli, ma con una formazione giovanissima. Sarà come sempre la grande campionessa Vanessa Ferrari la vera trascinatrice delle ragazzine Serena Bugani (classe ’98); Chiara Imeraj (classe ’99) e Martina Rizzelli (classe ’98, di rientro dopo un periodo difficile), due prodotti della Polisportiva Carnini che promettono davvero benissimo. Non finisce qui perché ci sarà anche Sofia Busato, una promettentissima classe 2000, a cui avevamo già dedicato un approfondimento. Altra big di squadra sarà Giulia Leni, che tornerà a calcare la pedana dopo il bronzo a parallele degli ultimi Assoluti e dopo i pensieri di ritiro. Peccato che Pilar Rubagotti risenta di alcuni dolori al polso, altrimenti sarebbe stata anche lei della partita.

 

C’è grandissima attesa per la Pro Lissone. A capitanarla la nostra immensa promessa Enus Mariani, campionessa europea juniores. Un team giovanissimo, ma molto affiatato, spensierato e tanto talentuoso. Martine Buro, Alice Romanella, Elisa Ricchiuti, Arianna Salvi e Vanessa Colantuoni sono ginnaste davvero eccellenti. Per loro il sogno sarebbe replicare la terza posizione dello scorso anno.

La Olos Gym 2000 si presenta con soli quattro elementi. La squadra, protagonista della recente scalata dalla B, è una delle più coese dell’intero panorama. In testa Giorgia Campana (prestito dalla Nuova Tor Sapienza), campionessa italiana alle parallele e componente dello storico quintetto di Londra. Accanto a lei Chiara Gandolfi, protagonista di un buon 2012 che l’ha portata pure al collegiale preolimpico. Ma “c’è solo una capitana”: la diciannovenne Ilaria Bombelli. Completa la formazione la giovanissima Giorgia Morera.

Non poteva mancare la storica Artistica ’81, stupenda realtà di Trieste e grande scuola della ginnastica artistica italiana, nelle mani di Diego Pecar e della moglie Teresa Macrì. Francesca Benolli è out. La migliore è Federica Macrì ma presteremo tanta attenzione a Tea Ugrin, astro nascente e già argento a squadre agli Europei juniores. Completeranno il sestetto le giovani Rachele Brunato (prestito Aiace 2000), Monica Dei Rossi, l’ottima Camilla Maria Sai e il prestito sloveno Tjasa Kysselef.

La Giglio Montevarchi è sempre più nei piani alti. Con Lara Mori assente, occhio alla prima uscita da senior di Alessia Leolini. Le altre tre sono le giovani Silvia Becattini, Caterina e Chiara Paoletti.

 

Il colpaccio l’ha fatto la neopromossa World Sport Academy, invenzione di Jean Carlo Mattoni, che è riuscita incredibilmente ad accaparrarsi il prestito della venticinquenne russa Anna Pavlova, doppio bronzo alle Olimpiadi di Atene nel 2004!

Neopromossa è anche l’Estate ’83: annotiamo, tra le altre, Deborah Martinazzi e Nicole Terlenghi. La Rosa Brindisi è invece stata ripescata dopo il rifiuto della Serie da parte della Gal Gym Team Lixonum.

Attendiamo sorprese dalla Forza e Virtù che schiera tre elementi di assoluto spessore: Carlotta Necchi, Giulia Gemme e Arianna Rocca, campionessa italiana al volteggio.

 

stefano.villa@olimpiazzurra.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica Artistica, i ragazzi presenti ad Ancona

Ginnastica, Serie A1: tutti i temi caldi della prova di Ancona