Alessandro Fabian, un 2012 da incorniciare

oa-logo-correlati.png

Questo 2012 è stato sicuramente un anno d’oro per il carabiniere padovano Alessandro Fabian, che si è definitivamente consacrato nell’Olimpo dei migliori interpreti del triathlon. Classe ’88, nativo di Padova, pratica il nuoto sin dall’età di 4 anni, prima di scoprire una naturale propensione per il triathlon.

I primi segnali importanti li fornisce in Coppa Europa: il 31 marzo, nella tappa di Quarteira, in Portogallo, chiudendo la gara in quinta posizione. Si conferma ai massimi livelli anche agli Europei d’Israele. L’exploit internazionale arriva nella quarta tappa delle World Series, in quel di Madrid, dove, con una strepitosa parte finale di gara, si mette dietro atleti più quotati di lui terminando la sua gara in quinta posizione.

Tra i tanti titoli conquistati durante l’anno c’è anche quello di campione italiano di triathlon olimpico, ottenuto a Tarzo, il 14 luglio.

La gara più importante della stagione arriva il 7 agosto: l’Olimpiade. Nelle prime fasi della gara è sempre stato tra i primi, ma nella corsa, il suo tallone d’Achille, ha perso un po’ di terreno chiudendo la sua gara con un comunque dignitoso decimo posto.

Insieme ad Alice Betto, Davide Uccellari e Anna Maria Mazzetti partecipa ai Campionati del Mondo di triathlon a squadre, in quel di Stoccolma, chiudendo la gara in settima posizione. Nell’ultimo impegno stagionale, le finali di World Series ad Auckland, in Nuova Zelanda, conclude la sua buona stagione in tredicesima posizione.

michelepio.pompilio@olimpiazurra.com

 

Lascia un commento

scroll to top