Show Player

Il punto sul pugilato dopo i primi incontri



I tornei di boxe stanno entrando nel vivo ed è tempo di tracciare un primo quadro della situazione.

Sono rimasti cinque i pugili italiani ancora in corsa, mentre Manuel Cappai e Vittorio Parrinello sono stati eliminati come da pronostico da avversari superiori.

Loading...
Loading...

Ha destato una buona impressione Roberto Cammarelle nei super-massimi, anche se la velocità di gambe non sembra più quella che lo aveva consacrato a Pechino 2008: con una minore mobilità, il 32enne di Cinisello Balsamo diventa un bersaglio più semplice per gli avversari. I quarti con il marocchino Mohammed Arjaoui non dovrebbero impensierirlo, ma se vorrà a bissare il titolo di quattro anni fa, dovrà compiere un deciso salto di qualità sin dal prossimo turno.

Clemente Russo (91 kg) ha superato il primo turno senza nemmeno combattere, in quanto l’angolano Tumba Silva non si è presentato alle operazioni di peso. Può sembrare un vantaggio per l’azzurro, ma non lo è. Il 30enne di Marcianise, infatti, non combatte un vero match ufficiale tra i dilettanti da quasi tre anni (tra infortuni e l’avventura trionfale nelle WSB) ed un incontro di allenamento contro l’africano avrebbe fatto molto comodo, soprattutto perché ora dovrà vedersela contro il temibile cubano José Larduet Gomez. Insomma, per Clemente ci sarà subito un Battesimo del fuoco!

Domani alle 21.30 farà il suo esordio anche Domenico Valentino negli ottavi di finale con il britannico Josh Taylor. Un avversario davvero ostico, che ha superato al primo turno il quotato brasiliano Robson Conceicao e potrà contare sul non deprecabile vantaggio del fattore campo. Il pugile campano deve assolutamente imporsi per coronare una carriera che ha bisogno di una medaglia a cinque cerchi.

Venerdì Vincenco Picardi (ore 14.15) debutterà contro il mongolo Tungstsogt Nyambayar, sfida tutt’altro che agevole. In caso di successo, poi, il campano troverebbe con ogni probabilità l’uzbeko Jasurbek Latipov, con il quale ha già perso ai Mondiali di Baku dello scorso anno.

L’ultimo a salire sul ring, infine, sarà Vincenzo Mangiacapre, sabato alle 16.15 con l’unghere Kate Gyula, avversario già sconfitto lo scorso anno dal 23enne di Marcianise, atteso come possibile sorpresa azzurra a questi Giochi di Londra 2012.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

Loading...

Lascia un commento

scroll to top