Volley, Champions League – L’Italia a caccia della Coppa: Trento e Civitanova, che derby a Cracovia. Zenit favorito

Trento-Champions-League-volley.jpg

Tutto pronto nell’imponente Tauron Arena di Cracovia (Polonia) dove il 16-17 aprile si disputerà la Final Four della Champions League 2016 di volley maschile. La 57esima edizione della massima competizione continentale è giunta nella sua fase più calda che assegnerà il trofeo europeo più importante.

L’Italia è tornata sugli scudi e, dopo ben tre anni di digiuno, sarà presente all’evento con addirittura due club, proprio come non succedeva addirittura dal 2009. Proprio come allora saranno Trento e Civitanova a sfidarsi in semifinale per inseguire quella Coppa che l’Italia non riesce più a conquistare dal 2011, l’anno dell’ultimo sigillo dei dolomitici.

Trento a caccia della sua quarta affermazione dopo le tre leggendarie del 2009, 2010 (a Lodz, proprio in Polonia come questa volta) e 2011 (organizzata a Bolzano) mentre Civitanova vuole il bis dopo l’unico successo nel 2002. Una cosa è certa: l’Italia tornerà a giocare una Finale di Champions League dopo tre anni dall’atto conclusivo perso da Cuneo contro la Lokomotiv Novosibirsk. Il derby accesissimo tra la Diatec e la Lube è uno dei piatti più attesi del weekend tra due formazioni attrezzate ma che si presentano all’appuntamento dopo aver perso le prime due partite delle semifinali scudetto rispettivamente contro Modena e Perugia.

La vincitrice dello scontro fratricida andrà ad affrontare o l’Asseco Resovia, organizzatore della Final Four, o lo Zenit Kazan, Campione d’Europa in carica e super favorito per il successo finale.

 

Trento si presenta all’appuntamento dopo aver vinto agevolmente il proprio girone, schiacciato il Noliko Maaseik negli ottavi di finale e fatto l’impresa ai quarti di finale eliminando il quotato Belogorie Belgorod.

Civitanova ci arriva dopo aver passeggiato nel raggruppamento eliminatorio, aver avuto vita facile sull’Arkas Izmir e soprattutto dopo l’autentica battaglia contro l’HalkBank Ankara (un successo per parte al tie-break, golden set da thrilling nella capitale turca).

Gli uomini di Stoytchev e i ragazzi di Blengini si sono già affrontati tre volte in questa stagione: due in regular season (un successo per parte) e nella semifinale di Coppa Italia vinta da Trento. L’equilibrio dovrebbe regnare sovrano ma entrambe le squadre si presentano a Cracovia con diversi punti interrogativi.

 

Tanti gli scontri in campo, Trento deve fare a meno di Kaziyski e cercherà il massimo apporto da Djuric e Giannelli, provando a recuperare al meglio capitan Lanza e sperando nella giornata positiva di Urnaut. Per Civitanova il solito Juantorena, Miljkovic deve riprendersi, attenzione allo scentro tra i centrali e alla sfida tra i palleggiatori Giannelli e Christenson.

Trento ha spesso avuto la meglio nei confronti di Champions League del passato, Civitanova vorrà invertire la rotta. I marchigiani, considerate le due rose a disposizione e la panchina lunghissima, era tra le accreditate per il successo finale mentre i Campioni d’Italia si presentano da outsider considerando anche che per larghi tratti hanno dovuto fare a meno di Djuric e Lanza.

Dinamo Kazan è pronta a mangiarsi tutte le avversarie ma l’Italia non vuole stare a guardare e ci proverà fino in fondo.

 

Articoli correlati:

Champions League – Final Four: tabellone, programma, orari e tv: Trento e Civitanova per la Coppa a Cracovia

Champions League – Italia a caccia della Coppa: Trento e Civitanova, che sfida in semifinale. Kazan favorito

Lascia un commento

Top