Calcio, qualificazioni Euro 2017 under 21: Andorra-Italia per continuare a crescere

Luigi-Di-Biagio-calcio-foto-profilo-twitter-uefa.jpg

L’Italia under 21 cresce e strappa applausi per il suo gioco e per la sua solidità. Conteranno poco gli Europei 2017, perché non valevoli per la qualificazione olimpica che manca ormai da Pechino 2008, ma saranno importanti per plasmare i giocatori del futuro. Del resto si sa: il focus principale è la Nazionale maggiore. L’avvicinamento è relativo e anche le delusioni più cocenti, come il mancato pass per Rio 2016, possono essere archiviate come “incidenti di percorso”.

Dopo il brillante 1-4 in Irlanda, risultato più rotondo e convincente dell’1-0 ottenuto in autunno nel match casalingo disputato a Vicenza, gli azzurrini di Luigi Di Biagio sono ormai a un passo dal superamento del turno. Per la prima volta nella storia, poi, non ci saranno i playoff: la vincente del girone avrà il posto assicurato in Polonia. E l’Italia, prima nel gruppo B a +3 sulla Serbia e +4 sulla Slovenia, è in pole position per assicurarsi presto la qualificazione. Anche perché il calendario, ora, è agevole.

Due sfide con Andorra (domani la prima, ore 18.30 in trasferta), una con la Lituania e quella interna con la Serbia. Con 10 punti su 12 a disposizione sarà primo posto aritmetico. Probabilmente ne potrebbero bastare anche meno, ma non è così scontato raggiungere la cifra richiesta. Ancora imbattuta, la formazione di Di Biagio ha pareggiato solo una volta – 1-1 in Serbia a novembre – e naviga a vele spiegate verso un biennio di successi. Con nuovi leader e tante sorprese.

Domenico Berardi incensato sabato da Eusebio Di Francesco sulle pagine della Gazzetta dello Sport – è il trascinatore offensivo di una rosa che, persi Federico Bernardeschi (impatto pazzesco nell’amichevole contro la Spagna) e Daniele Rugani in direzione Nazionale maggiore, ha trovato nel granata Marco Benassi un capitano tutto cuore e inserimenti e in Gianluigi Donnarumma un’autentica certezza tra i pali. Il portiere rossonero è diventato, con pieno merito, il più giovane esordiente azzurro in under 21. E di record ne strapperà molti altri. Da un milanista a un altro, Alessio Romagnoli comanda la difesa con eleganza ed esperienza. E l’asse centrale delle sorprese Mattia Caldara-Lorenzo Rosseti funziona. In Andorra bisognerà confermarsi per scalare un altro gradino della scala dei grandi.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Twitter Uefa

Lascia un commento

Top