Tuffi, Mondiali Kazan 2015: Dallapè e Cagnotto in semifinale! Vola Abel

Francesca-Dallapè-tuffi-foto-davide-gioco1.jpg

Super Francesca Dallapè, Tania Cagnotto non al meglio. E’ questo il verdetto dell’eliminatoria dei 3 metri femminili ai Mondiali 2015 di Kazan, che vede comunque le azzurre superare il turno e accedere alla semifinale prevista per le 14 (diretta tv su RaiSport ed Eurosport). Tra poche ore sarà dunque tutta un’altra gara, con la bolzanina chiamata a risolvere i problemi con il triplo e mezzo avanti (solo 44.95 punti stamattina) e la trentina che punta ai primi dodici posti che significherebbero finale e pass olimpico anticipato, il vero obiettivo della sua rassegna iridata.

L’eliminatoria è lunga e logorante e, fin dalle prime rotazioni, sono tanti gli errori anche da parte di atlete molto quotate. La tedesca Tina Punzel, che fallisce doppio e mezzo indietro e doppio e mezzo rovesciato, è subito fuori dalla corsa alla semifinale. La russa Nadezhda Bazhina si salva dopo un avvio in salita (17esima), la connazionale Kristina Ilynikh no (20esima). Anche Alicia Blagg, britannica, soffre le rotazioni indietro e viene eliminata. Non sbagliano invece le cinesi e la canadese Jennifer Abel, le favorite per il podio. In testa alla classifica ci sono proprio loro: He Zi (376), Shi Tingmao (368.40) e la nordamericana (348.70) che esegue un ottimo doppio e mezzo avanti con due avvitamenti, coefficiente 3.4, da 74.80 punti. Ok anche Pamela Ware e Maddison Keeney, rispettivamente quinta (317.30) e nona (305.55).

Francesca Dallapè è sesta con 312.50 punti totali. Può migliorare ancora qualcosa, ma deve soprattutto ripartire da un doppio e mezzo rovesciato che, da incubo, è sempre di più una certezza in questa stagione: ci sono i 7 e un parziale di 61.50. Ancora una volta la trentina viaggia regolarmente sopra quota 300. Cagnotto, invece, chiude settima (307.45) con un super doppio e mezzo rovesciato carpiato da 75. La campionessa del mondo da 1 metro è ottima nell’indietro (72, media dell’8), si difende nel ritornato ma poi non convince del tutto prima del suo cavallo da battaglia. Importante comunque passare e vincere la tensione di oltre tre ore di gara, tra poco si vedrà senza dubbio tutta un’altra Tania.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Davide Gioco

Lascia un commento

Top