Softball, Europei 2015: un’Italia solida per sconfiggere lo spauracchio olandese

soft.jpg

Nel baseball come nel softball, la rivalità tra Italia e Olanda è particolarmente sentita: si tratta delle due nazionali che dominano il palcoscenico continentale in entrambi gli sport e ben figurano a livello globale, laddove le selezioni nordamericane e asiatiche si affermano ovviamente ad un livello superiori.

Così, l’Italia del softball si prepara agli Europei 2015 con la consapevolezza di poter scardinare il predominio delle tulipane, vincitrici delle ultime tre edizioni del torneo – in due casi proprio contro le azzurre – nonché padrone di casa. D’altronde anche la manager Marina Centrone ha fatto capire di non volersi più accontentare di un secondo posto e la rosa a sua disposizione appare di assoluta qualità, mettendo assieme le migliori interpreti di un’Italian Softball League che ha appena concluso la fase a gironi.

Greta Cecchetti è da ormai parecchi anni una delle migliori lanciatrici a livello mondiale: oltretutto, ricambi di qualità come Ilaria Cacciamani, Mara Papucci e Alice Ronchetti lasciano possibilità di ampia turnazione alla manager. Negli altri ruoli, Andrea Montanari, Alice Parisi e Beatrice Ricchi sono tra i migliori marcatori in assoluto, appena dietro alle straniere, La stessa Montanari, assieme ad Eva Trevisan e Francesca Concina, è tra le leader in Italia dei tripli e anche le altre giocatrici possono contare su statistiche offensive alquanto soddisfacenti. Tra le convocate stupisce l’assenza di Ilaria Pino, storica capitana del Legnano peraltro autrice di un buon campionato, ma in ogni caso la qualità della rosa tricolore è ugualmente molto buona: anche se il softball, ovviamente, è uno sport che va ben oltre le fredde analisi statistiche.

foto: Fabio Cecchin

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top