Nuoto, Trofeo Settecolli 2015: antipasto mondiale per Paltrinieri e Orsi

Gregorio-Paltrinieri-nuoto-foto-fin-deepbluemedia1.jpg

Il Settecolli come tappa di passaggio verso Kazan. Ci sono 18 nuotatori azzurri (qui la lista) – anzi meno, contando chi in altre sue gare deve ancora qualificarsi – che potranno permettersi di partecipare alla 52esima edizione del tradizionale meeting romano senza l’assillo del pass per Kazan 2015. Tra i principali ci sono Gregorio Paltrinieri e Marco Orsi, vale a dire due dei tre migliori italiani del momento. Il 20enne emiliano, favorito nei 1500 stile libero, verificherà i suoi progressi stagionali dopo l’ottimo 14’43”47 (in vetta ai ranking stagionali) degli Assoluti di Riccione. E’ programmato per esplodere in Russia, si vedrà a che punto è della preparazione dopo il ritiro in Sierra Nevada.

Rivali di lusso per Marco Orsi nella velocità pura maschile: su tutti Florent Manaudou nei 50 sl, ma anche altri francesi – Mehdy Metella e Fabien Gilot, la squadra transalpina sarà pressoché al completo – e l’olandese Sebastiaan Verschuren che possiede il quarto miglior tempo della stagione. Nazionale d’oltralpe che testerà anche le ambizioni mondiali di Simone Sabbioni, la più bella sorpresa degli Assoluti 2015 insieme ad Alice Mizzau: il romagnolo nei 100 dorso se la vedrà infatti con avversari del calibro di Camille Lacourt e Benjamin Strasiulis.

Occhi puntati anche sulla friulana, per altro reduce dalle fatiche del Mare Nostrum. Alice Mizzau può recitare un ruolo determinante nella staffetta 4×200 sl, ma da velocista ad aprile si è riscoperta mezzofondista. Merito degli allenamenti in Spagna con chi il mezzofondo lo mastica senza problemi e ne ha fatto il proprio pane quotidiano (a livello di medaglie internazionali) come Mireia Belmonte Garcia. Una sfida oltremodo interessante si verificherà proprio nei 200 stile libero: oltre a Mizzau sono iscritte infatti la campionessa europea in carica Federica Pellegrini (ancora tecnicamente non qualificata per l’individuale a Kazan), la svedese Sarah Sjoestroem e la francesca Charlotte Bonnet, rispettivamente la seconda e la quinta dei ranking stagionali. Ne può uscire un confronto piccante.

Marherita Panziera (200 dorso), Matteo Rivolta (100 farfalla), Federico Turrini (400 misti) e Arianna Castiglioni (50 rana) sono gli altri quattro italiani già certi di un pass per una gara individuale. L’obiettivo della bustocca – in gara contro una certa Ruta Meilutyte, star indiscussa dell’imminente Settecolli – è quello di ottenere il tempo limite anche per i 100, mentre per quanto riguarda la veneta, il lombardo e il toscano non sembrano profilarsi duelli di eccezione. Difficile, dunque, ammirare grandi prestazioni cronometriche in una fase di carico a poco più di un mese dai Mondiali.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Tag

Lascia un commento

Top