Tuffi, World Series 2015: Cagnotto-Verzotto di bronzo nel sincro misto! Prima gioia azzurra

Tania-Cagnotto-tuffi-foto-ufficio-stampa-Arena-Lapresse.jpg

Dopo la delusione per la mancata finale individuale, Tania Cagnotto spazza via le nubi conquistando in coppia con Maicol Verzotto la prima medaglia azzurra alle World Series 2015. Lo scenario è Kazan, piscina che ospiterà i Mondiali dal 24 luglio al 2 agosto, e la disciplina è l’innovativo sincro misto vinto dalla Cina (333.60) sul Canada (324.33). Gli azzurri sono di bronzo grazie al doppio e mezzo rovesciato finale, cavallo di battaglia della bolzanina e tuffo preferito del piattaformista Verzotto, “retrocesso” dal trampolino per tentare la strada mista. Un terzo posto a quota 303 con obbligatori da 50.40 e 49.20 che lascia ben sperare in vista del futuro, soprattutto sottolineando come per i due altoatesini quella odierna fosse solo la prima gara internazionale della carriera come duo di punta del Bel Paese.

Domani Verzotto sarà di scena nel sincro misto da 10 metri con Noemi Batki, con la quale ha già conquistato l’argento al Grand Prix di Leon a inizio aprile. L’appuntamento è sempre in diretta tv su Nuova Rete (canale 110 del dtt in Emilia Romagna) e in live streaming su OA Sport a partire dalle 17.30, con prima la super finale maschile dalla piattaforma e a seguire la differita di quella femminile.

Strepitoso Jack Laugher nei 3 metri. Il britannico bissa l’oro di Dubai e fa paura in vista dei Mondiali di Kazan e delle Olimpiadi di Rio. Il 19enne inglese non è più un outsider, bensì rischia di diventare il favorito della specialità. Nonostante un’imprecisione nel doppio e mezzo avanti con tre avvitamenti, Laugher è primo con 546.40 punti grazie a un maestoso quadruplo e mezzo avanti da 106.40. L’altra grande notizia di giornata è la Cina giù dal podio: Cao Yuan è quarto dietro al russo Ilya Zakharov (516.70) e al tedesco Patrick Hausding (512.20). L’assenza di He Chong pesa, ma l’Europa dimostra di poter contare su atleti di primissimo livello. Agli Europei di Rostock (9-14 giugno) vietato prendere impegni.

Ancora una brillante Jennifer Abel si conferma l’atleta più in forma del settore femminile dietro alla Cina. La canadese, in virtù di un super doppio e mezzo avanti con due avvitamenti da coefficiente 3.4 che le frutta 81.60 punti, si mette al collo la medaglia d’argento sfiorando il miglior punteggio personale (363.00) sfruttando anche l’errore di Wang Han nel doppio e mezzo indietro conclusivo. La cinese è terza a quota 335.30, ma il paese asiatico può comunque consolarsi con l’oro in solitaria – il terzo in altrettante tappe delle World Series – di Shi Tingmao (384.60), autrice di ben tre tuffi da 81 punti.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: ufficio stampa Arena/credit Lapresse

Lascia un commento

Top