Seguici su

Scherma

Scherma, Matteo Neri sul podio nella tappa di Coppa del Mondo di Madrid! Vittoria per il francese Patrice

Pubblicato

il

Matteo Neri
Matteo Neri - Bizzi/Federscherma

Brilla il terzo gradino del podio di Matteo Neri nella giornata dedicata alla competizione individuale dell’ultima tappa stagionale della Coppa del Mondo di scherma 2023-2024. Sulle pedane di Madrid (Spagna) sono protagonisti gli sciabolatori, e l’azzurro è artefice di un percorso favoloso che si interrompe solo alla stoccata decisiva della semifinale, quando il profumo dell’ultimo atto era veramente vicino. Nonostante ciò è una giornata da incorniciare per l’italiano, con il successo finale che va al francese Sebastien Patrice.

Neri sale per la prima volta in carriera sul terzo gradino del podio in Coppa del Mondo, ma aveva già arpionato un piazzamento del genere nel Grand Prix di Seul l’anno scorso. Si era capito già da ieri che il 25enne fosse in forma, da quando ha infilato un doppio 15-1 negli assalti preliminari per raggiungere il tabellone principale. Esordio odierno per il n.89 del ranking che poteva già lasciare presagire qualcosa di grande, visto che l’azzurro ha asfaltato 15-8 il sempre temibile tedesco Matyas Szabo. Decisamente più sofferta la vittoria ai sedicesimi del derby azzurro contro Pietro Torre, arrivata solo all’ultima botta (15-14).

Per Neri ottavi di finale superati con grande autorità, eliminando con il punteggio di 15-12 Luis Bonah, il secondo teutonico sulla sua strada. Il vero capolavoro l’azzurro lo ha firmato ai quarti per entrare in zona medaglie, quando ha surclassato il lanciatissimo egiziano Ziad Elsissy (15-12), che veniva da una vittoria, attuale n.2 del mondo. La battuta d’arresto è arrivata nel penultimo atto, non senza rimpianti. Neri infatti conduceva per 14-12 contro il coreano Hansol Ha, ma ha dovuto subire tre stoccare consecutive dall’asiatico che lo hanno privato della prima finale in carriera.

Ha poi ha perso l’ultimo atto contro il francese Sebastien Patrice, che archivia oggi il primo successo in Coppa del Mondo. Fino ad ora il transalpino aveva ottenuto un solo terzo posto in un Grand Prix, e a pochi mesi dalle Olimpiadi lancia la sua candidatura. Ultimo atto molto emozionante e risolto in volata, con il transalpino che alla fine la spunta per 15-13 sul coreano. L’altro terzo gradino del podio va all’americano William Morrill, uscito sconfitto in semifinale con Patrice.

Per quanto riguarda gli altri italiani, il secondo migliore di giornata è Michele Gallo, uscito agli ottavi di finale per mano di Elsissy (15-10). Sfortunato nel sorteggio Luca Curatoli, che si arrende al debutto per 15-13 allo statunitense Morrill in giornata di grazia, vista la semifinale poi raggiunta. Fuori all’esordio purtroppo anche Luigi Samele, condannato sorprendentemente all’ultima stoccata da Andrei Nazlymov, ed Enrico Berrè, sconfitto da Antonio Heatchcock con un eloquente 15-5.

Primo turno fatale poi a Lorenzo Ottaviani, che lascia strada in un derby tutto italiano a Dario Cavaliere, costretto poi all’eliminazione nell’assalto successivo quando ha affrontato il fortissimo magiaro Aron Szilagiy. Lascia Madrid ai sedicesimi di finale anche Giacomo Mignuzzi, battuto da Mao Kokubo alla botta decisiva, che spesso non ha sorriso agli italiani oggi. Domani si concluderà il fine settimana della sciabola maschile con la prova a squadre, con il CT Nicola Zanotti che schiererà Luigi Samele, Luca Curatoli, Michele Gallo e Pietro Torre.