Seguici su

Biathlon

Biathlon. Lisa Vittozzi sarà “Bella di marzo”? Il sogno della Coppa del Mondo in un finale di stagione anomalo

Pubblicato

il

Lisa Vittozzi
Vittozzi Lapresse

La Coppa del Mondo di biathlon si appresta a vivere il suo rush finale. In campo femminile Ingrid Landmark Tandrevold indossa il pettorale giallo con 719 punti, il che significa godere di un margine di 30 lunghezze su Justine Braisaz-Bouchet, di 48 su Lisa Vittozzi e di 57 su Julia Simon. La norvegese è tuttavia uscita malissimo dai Mondiali di Nove Mesto, a differenza delle tre inseguitrici.

La sfida, nella quale potrebbe eventualmente inserirsi anche Elvira Öberg (-117 da Tandrevold) è apertissima. Non si può escludere a priori la svedese, perché il marzo 2024 seguirà un calendario anomalo. L’abituale conclusione di Oslo viene anticipata, dopodiché si volerà oltreoceano per gareggiare a Soldier Hollow (Usa) e Canmore (Canada).

Insomma, bisognerà adeguarsi alle condizioni ambientali nordamericane, che spesso sono caratterizzate da freddo intenso, talvolta esagerato. In tempi recenti si sono viste tappe di Ibu Cup completamente stravolte da temperature costantemente al di sotto dei -20°C (il limite minimo della colonnina di mercurio, sotto il quale non si gareggia). Dunque occhio ai termometri, perché non è da escludere che possano incidere sul programma della fase conclusiva.

Classifica Coppa del Mondo biathlon femminile 2023-2024: Lisa Vittozzi è terza a -48 da Tandrevold

Effettuare un pronostico è, ovviamente, impossibile. Di certo c’è che Vittozzi, sparando con il 94%, può pensare di mettere le mani sulla Sfera di cristallo. Lisa non è mai stata una “bella di marzo”, mese in cui ha saputo difendersi solo in sue storiche “roccaforti” quali Kontiolahti e Östersund. Però sappiamo come ogni stagione faccia storia a sé; e il 2023-24 ancor di più, visto il calendario marzolino completamente differente rispetto alle abitudini.