Seguici su

Senza categoria

Tennis, Jannik Sinner fissa gli obiettivi per il 2024: “Tornei dello Slam, Masters 1000 e sogno olimpico”

Pubblicato

il

Siamo giunti alle ultime ore del 2023 e, parlando di tennis, siamo già pronti per vivere un 2024 lunghissimo quanto ricco di attese. Tra i protagonisti più attesi per la nuova stagione, ovviamente, Jannik Sinner. Il tennista azzurro, artefice della storica vittoria della Coppa Davis, si prepara per il primo grande obiettivo della stagione, gli Australian Open, ma guarda anche ad ampio raggio.

L’altoatesino, infatti, sembra avere ben chiari in mente i suoi traguardi più importanti in vista della nuova annata agonistica: “I Giochi Olimpici di Parigi sono sul mio calendario. Sarà molto particolare tornare al Roland Garros per il torneo olimpico. Per quanto riguarda il doppio vedremo cosa si deciderà, mi sono divertito molto con Lorenzo Sonego durante la finale della Coppa Davis. La priorità nostra è il singolare, ma ci siamo trovati molto bene in Coppa Davis e cercheremo di giocare insieme ogni tanto quando il programma ce lo permette” . (Fonte: LaStampa).

A livello personale il classe 2001 prova a fare una graduatoria degli obiettivi di questo 2024: I tornei del Grande Slam sono importantissimi ma non dimentichiamo i Masters 1000 che contano tanto. Spero di poter mostrare un livello molto alto in questi eventi e quindi stabilizzare la mia classifica. Voglio assolutamente tornare a Torino per le ATP Finals e per farlo devo essere costante durante tutta la stagione” .

Tennis: Lorenzo Sonego apre la nuova stagione contro Zverev. Serve l’impresa in United Cup

Ultima battuta sull’essere stato eletto “tennista preferito dal pubblico” per il 2023. “Per me è ovviamente una bellissima notizia. L’affetto del pubblico conta tantissimo, l’ho sentito a Torino e a Malaga ma anche durante tutta la stagione in giro per il mondo. Poter trasmettere i miei valori come il fairplay, il lavoro duro e il rispetto è molto importante e sono contento e soddisfatto del giudizio dei fans. Ricevere questo premio dopo personaggi come Roger e Rafa è un onore immenso”.

Foto: LaPresse