Seguici su

Senza categoria

Tennis, Ben Shelton: “Voglio vincere ogni partita e battere chiunque, ma sono ancora lontano da dove voglio essere”

Pubblicato

il

Ben Shelton

Il 2023 tennistico ha visto la definitiva esplosione del talento di Ben Shelton. L’americano si era già messo in mostra l’anno precedente, ma è in questa stagione che ha fatto un notevole salto di qualità, conquistando il suo primo ATP 500 della carriera a Tokyo e raggiungendo importanti risultati negli Slam, come i quarti di finale in Australia e le semifinali in casa agli US Open. Shelton è così riuscito ad entrare anche tra i primi venti del mondo, chiudendo l’anno da numero diciassette.

Il nativo di Atlanta ha raccontato come si è avvicinato al mondo del tennis in un’intervista al sito On-Running. Non è stato subito amore a prima vista con il tennis per Shelton, che ha avuto una fonte d’ispirazione tennistica in famiglia: “Quando ho iniziato a giocare a tennis, non mi piaceva molto. Vedevo giocare a mia sorella tutti questi tornei, viaggiare e soggiornare in hotel e ho pensato che potevo anche io saltare la scuola per praticare sport, viaggiare e soggiornare in hotel”. 

Shelton è un giocatore molto potente e con uno straordinario dritto mancino, più volte paragonato ad un altro illustre mancino che ha fatto la storia di questo sport: “Cerco di essere unico con il mio stile di gioco e di fare cose che gli altri giocatori non fanno. Ho preso alcune cose da Nadal perché anche lui è mancino come me, ma cerco di lavorare con le mie risorse e di essere unico”.

Un ragazzo di grande talento e che non vuole certamente fermarsi a dove è arrivato: “Sto cercando di avere una mentalità orientata verso una continua crescita. Sono competitivo e voglio vincere, ma devo ricordare a me stesso che non sono neanche lontanamente dove voglio essere per quanto riguarda alcuni aspetti. Spero di avere una lunga carriera davanti a me e tempo per affinare il mio stile”.

Idee molto chiare ed una carriera in rampa di lancio per Shelton: “So che non sono perfetto. Ho dei difetti e molto da migliorare, ma è questo che mi motiva a continuare a lavorare. Non posso fare grandi cose in questo gioco se non lavoro duro, o più duramente, di chiunque altro là fuori. Sono una persona competitiva. Voglio vincere ogni partita. Voglio battere chiunque si trovi dall’altra parte della rete”.

FOTO: LaPresse