Seguici su

Ciclismo

GP Montreal 2023: Arnaud de Lie cerca la doppietta canadese, ma la concorrenza è stellare

Pubblicato

il

Mentre in Spagna la Vuelta è entrata ormai nelle fasi più calde, in Canada vanno in scena le corse di un giorno che ormai da diversi anni accendono il finale di stagione. Dopo la splendida vittoria di Arnaud de Lie al Gp di Quebec, domani andrà in scena il Grand Prix Cycliste de Montréal, arrivato alla sua 12a edizione.

Il percorso segue il solito spettacolare disegno: saranno 18 le tornate da percorrere del circuito di 12.3 km nella zona del Parc du Mont Royal, una delle più suggestive in assoluto della città canadese per un totale di 221.5 km. Ogni giro proporrà in rapidissima sequenza la Côte Camilien-Houde (1,8 km all’8%), la Côte de Polytechnique (780 m al 6%) ed i 530 metri al 7,5% di Avenue Pagnuelo.

Un percorso che come al solito non darà respiro i corridori e che, con ogni probabilità, anche quest’anno come in tutte le edizioni precedenti premierà uno specialista delle classiche. Nell’ancora ridotto albo d’oro della corsa figurano infatti i nomi di Peter Sagan, Greg van Avermaet, Michael Matthews, Diego Ulissi, fino a quello di Tadej Pogacar che lo scorso anno superò Wout van Aert allo sprint.

Lo sloveno quest’anno non ci sarà ma la UAE porterà una squadra di altissimo livello, forte di due ex vincitori come Tim Wellens ed il sopracitato Ulissi insieme ai quotatissimi Adam Yates e Marc Hirschi. La Jumbo risponderà con altri due uomini di altissimo profilo come Christophe Laporte e Tiesj Benoot.

Tanti i nomi dei potenziali candidati al successo, tra cui spiccano però quelli di Matej Mohoric, Julian Alaphilippe e Arnaud de Lie, che andrà a caccia della doppietta col GP de Quebec riuscita in passato solo a due australiani come Gerrans e Matthews. Quest’ultimo proverà a giocarsi ancora le sue carte, così come lo faranno Mattias Skjelmose, Corbin Strong e Valentin Madouas. In chiave Italia i più quotati saranno Simone Velasco, Alberto Bettiol e Lorenzo Rota.

Foto: Eurosport