Seguici su

Senza categoria

Come cambia il ranking degli italiani con la United Cup? Berrettini avvicina la top-10, Musetti tallona Sinner: le proiezioni

Pubblicato

il

Matteo Berrettini

L’Italia affronterà gli USA nella Finale della United Cup 2023, neonata competizione per Nazionali di tennis che coinvolge entrambi i sessi. Gli azzurri torneranno in campo domenica 8 gennaio sul cemento di Sydney, con l’obiettivo di battere la corazzata statunitense e alzare al cielo il trofeo. La missione si preannuncia decisamente ostica, considerando la caratura dell’avversario, ma la formazione guidata da coach Vincenzo Santopadre ha tutte le carte in regola per fare saltare il banco e regalarsi una giornata indimenticabile. Martina Trevisan aprirà le danze contro Jessica Pegula e l’azzurra dovrà inventarsi letteralmente una magia se vorrà dare del filo da torcere alla numero 3 del mondo.

Successivamente Lorenzo Musetti sarà impegnato contro Frances Tiafoe: lo scontro diretto tra il numero 23 e il numero 17 del ranking ATP potrebbe davvero risultare determinante. Matteo Berrettini incrocerà poi Taylor Fritz nel match tra i fari delle due compagini (rispettivamente numero 16 e numero 9 della graduatoria) e poi toccherà a Lucia Bronzetti contro Madison Keys prima dell’eventuale doppio misto di spareggio. Ricordiamo che questa competizione mette in palio punti pesanti per i vari ranking, decisamente importanti visto che siamo alla vigilia degli Australian Open e determineranno le teste di serie del primo Slam della stagione.

Matteo Berrettini è risalito al 14mo posto della graduatoria ATP grazie ai tre successi ottenuti durante la United Cup e ha operato il sorpasso su Jannik Sinner (16mo in classifica). Il romano ha all’attivo 2.490 punti e un’eventuale vittoria contro il top-10 Taylor Fritz gli garantirebbe altri 180 punti, grazie ai quali si isserebbe a quota 2.670 punti e balzerebbe addirittura al 12mo posto, superando Cameron Norrie (2.575) e Alexander Zverev (2.560), avvicinandosi sensibilmente al danese Holger Rune (decimo con 2.876) e al polacco Hubert Hurkacz (undicesimo con 2.840).

Italia-USA, Finale United Cup: i ranking a confronto. Gli azzurri inseguono gli americani: le classifiche

Lorenzo Musetti aveva incominciato la settimana da numero 23, poi ha inanellato quattro sigilli in terra australiana ed è balzato al 19mo posto con 1.925 punti, ma vincendo lo scontro diretto con Frances Tiafoe porterebbe a casa altri 140 punti e si isserebbe a quota 2.065, diventando numero 18 in scia allo stesso Tiafoe (2.140) e non così lontano da Jannik Sinner (16mo con 2.375). L’Italia avrà certamente tre top-20 da lunedì 9 gennaio: non era mai successo nell’era Open.

Martina Trevisan ha già guadagnato cinque posizioni grazie alla vittoria ottenuta contro la grecia Maria Sakkari e in caso di impresa contro Jessica Pegula (numero 3 al mondo) incamererebbe altri 180 punti, riuscendo a risalire di una posizione e diventando così la numero 21 al mondo con 1.852 punti. Lucia Bronzetti sbarcherebbe in top-50 per la prima volta in carriera in caso di sigillo contro Madison Keys: porterebbe a casa altri 180 punti e volerebbe a 1.176 punti, nuova numero 42 del ranking WTA.

PROIEZIONI RANKING ITALIANI ALLA UNITED CUP

Matteo Berrettini: 14mo con 2.490 punti, battendo Fritz diventerebbe 12mo con 2.670 punti

Lorenzo Musetti: 19mo con 1.925 punti, battendo Tiafoe diventerebbe 18mo con 2.065

Martina Trevisan: 22ma con 1.672 punti, battendo Pegula diventerebbe numero 21 con 1.851 punti

Lucia Bronzetti: 51ma con 996 punti, battendo Keys diventerebbe 42ma con 1.176 punti

Foto: Lapresse