Volley, Italia-Serbia in semifinale: chi sono gli avversari degli azzurri. Atanasijevic e tanti fuoriclasse di SuperLega

L’Italia affronterà la Serbia nella semifinale degli Europei 2021 di volley maschile. La nostra Nazionale, capace di travolgere la Germania con uno schiacciante 3-0, tornerà in campo sabato 18 settembre (ore 21.00) per affrontare un avversario di lusso e cercare il colpaccio che vale l’accesso all’atto conclusivo. Diamo uno sguardo più dettagliato ai prossimi rivali dei ragazzi del CT Fefé De Giorgi.

La Serbia ha concluso la Pool A al secondo posto con all’attivo quattro vittorie (3-0 contro l’Ucraina, 3-1 contro Belgio e Portogallo, soffertissimo 3-2 contro la Grecia) e la sconfitta al tie-break contro la Polonia (arrivata al primo posto). La compagine balcanica ha poi dovuto sudare le fatidiche sette camicie contro la Turchia agli ottavi di finale, riuscendo a rimontare da 1-2 con estrema fatica. I ragazzi di coach Boban Kovac si sono parzialmente ritrovati nei quarti di finale, dove hanno avuto la meglio sull’Olanda con un 3-0 comunque tirato nei vari parziali.

Il cammino dei Campioni d’Europa in carica, non qualificatisi alle Olimpiadi di Tokyo 2020, è stato dunque decisamente travagliato e ben lontano dalla facilità che si aspettavano alla vigilia. Il gioco espresso non è stato dei migliori, ma con carisma e classe sono comunque riusciti a entrare tra le quattro grandi d’Europa per la quinta volta nelle ultime sei edizioni disputate (titoli nel 2011 battendo l’Italia in finale e nel 2019 sconfiggendo la Slovenia, bronzi nel 2013 e nel 2017).

Italia-Serbia è ormai diventata una grande classica della pallavolo internazionale. L’ultimo grande precedente risale al preolimpico di Bari nel 2019, quando gli uomini di Chicco Blengini si imposero con uno schiacciante 3-0 staccando il biglietto per i Giochi. Va però detto che la nostra Nazionale è cambiata in maniera sostanziale da quell’apoteosi in terra pugliese, tra l’altro Regione di nascita del nostro attuale allenatore: Ivan Zaytsev, Osmany Juantorena, Massimo Colaci e lo stesso Commissario Tecnico non sono più della partita, a Ostrava si è aperto un nuovo ciclo e ora si spera che possa continuare a sognare a Katowice.

Simone Giannelli e compagni sono attesi da un incrocio contro tante stelle della pallavolo internazionale, molti serbi hanno militato o giocano ancora nella nostra SuperLega e sono vecchie conoscenze degli azzurri. L’uomo simbolo sarebbe l’opposto Aleksandar Atanasijevic, per ben otto anni bomber di Perugia e che tra un mese si accaserà allo Skra Belchatow (in Polonia). Abbiamo usato il condizionale perché il ribattezzato Bata non ha giocato contro l’Olanda, venendo sostituito da Drazen Luburic: ci sarà staffetta anche per la semifinale? Si andrà sull’uomo di punta o si oserà ancora col 28enne della Lokomotiv Novosibirsk?

Un altro punto di forza della Serbia è lo schiacciatore Uros Kovacevic, 28enne che ha indossato le casacche di Modena, Verona, Trento tra il 2012 e il 2020, da ottobre giocherà anch’egli in Polonia (rafforzerà il Warta Zawiercie). L’altro martello Marko Ivovic non è invece mai passato dalle nostre latitudini, ma tra Polonia, Brasile e Russia ha sempre ben figurato: è un attaccante dotato di ottime doti ricettive e solitamente preciso in attacco. Il palleggiatore è il 29enne Nikola Jovovic: non è un grandissimo nome a livello internazionale, ma comunque si intende bene con i compagni di squadra: lo abbiamo visto a Monza dal 2014 al 2017 e ha ben figurato, ora si è spostato al Tolosa in Francia dopo le avventure tra Turchia e Russia.

Altri uomini di assoluto impatto sono i centrali Marko Podrascanin e Srecko Lisinac, grandissimi fuoriclasse a muro e abili anche in fase offensiva. Entrambi giocano attualmente a Trento, sono dei fari nel loro ruolo a livello internazionale e fanno tantissima paura: per mettere giù il pallone bisognerà aggirarli, missione tutt’altro che semplice. Fa decisamente meno paura il libero Neven Majstorovic.

Foto: CEV

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Italia-Serbia, Semifinale Europei volley: orario, programma, tv, canale in chiaro

Ciclismo, Alessandro Fancellu in ospedale: incidente in allenamento, frattura dello scafoide