Superbike, GP Catalogna 2021: dal Montmelò parte il trittico che potrebbe decidere le sorti della stagione

Montmelò, Jerez de la Frontera, Portimao. Un trittico che potrebbe già decidere le sorti del Mondiale Superbike 2021, oppure quantomeno indirizzarlo in maniera più chiara. Tre gare, una dietro l’altra, da vivere tutte d’un fiato, per provare a delineare in maniera più chiara la lotta al vertice tra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea, con Scott Redding che appare ormai tagliato fuori ma che, conoscendolo, cercherà di andare a caccia del maggior numero di successi di tappa possibili.

La situazione, come detto, è quanto mai vibrante ed avvincente. In vetta alla classifica generale troviamo il turco della Yamaha con 370 punti, per cui con sette lunghezze di margine sul sei volte campione del mondo nel Campionato dedicato alle moto derivate di serie. Al terzo posto, a debita distanza, troviamo il britannico della Ducati, a -72 punti dalla vetta e, quindi, con la nettissima sensazione che il treno giusto sia ampiamente passato.

Jonathan Rea sta trovando sulla sua strada l’osso più duro della sua epopea in Superbike, non ci sono altri modi per descrivere l’andamento di questo Mondiale 2021. Toprak Razgatlioglu, dopo qualche alto e basso di troppo nella fase iniziale, ha trovato enorme fiducia nei propri mezzi e nella sua Yamaha, inanellando una serie di risultati notevoli. La doppietta di Magny-Cours (con il secondo posto nella Superpole Race) è la perfetta dimostrazione del suo momento di forma.

Dall’altra parte del ring troviamo Jonathan Rea. Un campione che non ha certo bisogno di motivazioni ulteriori per dare il massimo ma che, come detto, sta arrivando alla fase conclusiva dell’annata per la prima volta in posizione di svantaggio. Una condizione del tutto nuova per il portacolori della Kawasaki, che dovrà estrarre il massimo dalla moto al Montmelò e, soprattutto, iniziare a mettere davvero pressione a Toprak Razgatlioglu. Siamo nella fase calda del Campionato. Ogni punto può valere doppio e l’esperienza potrebbe davvero fare la differenza. Due campioni al centro del quadrato. Chi la spunterà?

Foto:  LPS Otto Moretti

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Calcio, Ranking FIFA (16 settembre 2021): Italia quinta, Belgio in testa

Canoa velocità, Mondiali Copenaghen 2021: cinque equipaggi italiani in semifinale. Due azzurri in finale nella paracanoa