Rally, il Mondiale riparte dalla Grecia. Neuville sfida le Toyota

Riparte questo week-end  il  FIA World Rally Championship dopo la tappa in Belgio dello scorso agosto. I protagonisti del Mondiale approdano in Grecia, evento che non è più presente nel calendario dal 2013 quando ad imporsi fu il finnico Jari-Matti Latvala.

Il ‘Rally dell’Acropoli’ è il nono appuntamento stagionale, il quinto su terra del campionato 2021. La lotta per il titolo è ancora aperta nonostante un ottimo avvio da parte delle Toyota che da qui alla fine dell’anno dovranno vedersela con la Hyundai del belga Thierry Neuville.

L’alfiere del marchio coreano ha dominato in casa in una manifestazione che si è conclusa nel mitico circuito di Spa-Francorchamps. La i20 #11 ha annullato il gap in classifica con il gallese  Elfyn Evans, secondo in classifica con 124 punti all’attivo. Il britannico di Toyota ed il nativo di St. Vith inseguono il francese Sébastien Ogier che svetta in classifica con 38 lunghezze di vantaggio.

Il campione del mondo in carica arriva in Grecia con il favore del pronostico. Sono al momento due gli acuti del #1 di Toyota in questa stagione alla vigilia di una corsa che ha già vinto nel 2011. Nessuno degli iscritti ha già conquistato questa corsa per quanto riguarda il Mondiale, mentre Craig Breen può vantare un successo nell’ERC.

L’irlandese di Hyundai è confermato dopo l’ottima prestazione in Belgio sulla terza i20 ufficiale al posto dell’iberico Daniel Sordo. Confermato come sempre anche l’estone Ott Tanak, pronto a dare spettacolo tra le rocce greche.

Il finnico Kalle Rovampera cerca conferme dopo il successo in Estonia ed il terzo posto nell’ultimo round. La giovane stella di Toyota potrebbe aiutare Ogier ed Evans a sottrarre dei punti preziosi nel tentativo di rimonta di Neuville.

Attenzione anche alla Ford, marchio che vanta 18 affermazioni in Grecia. Il britannico Gus Greensmith ed il francese Adrien Fourmaux che molto probabilmente guiderà la seconda auto di M-Sport fino alla conclusione del campionato. Ricordiamo infatti la chiusura della realtà britannica con il finnico Teemu Suninen nelle settimane successive al round belga.

Foto: LiveMedia/DPPI/Gregory Lenormand

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Calcio, vittoria importante dell’Italia U21 contro il Montenegro: decide Colombo al Menti

US Open, Lorenzo Sonego: “Se Matteo Berrettini batte Djokovic può vincere lo Slam”