Atletica, Diamond League: Randazzo 3° a Bruxelles. Duplantis, niente record. Kerley vince in 9.94, Mahuchikh batte Lasitskene

A Bruxelles (Belgio) è andata in scena l’ultima tappa della Diamond League 2021, il massimo circuito internazionale di atletica leggera, prima delle finali che avranno luogo a Zurigo (Svizzera) l’8-9 settembre.

Vento nullo per i 100 metri maschile, che si trasformano in Trials statunitensi: la spunta Fred Kerley in 9.94, appena davanti ai connazionali Travyon Bromell (9.97) e Michael Norman (9.98). L’ucraina Yaroslava Mahuchikh è stata brava a vincere il salto in alto con un rilevante 2.02 al primo tentativo (poi tre errori a 2.04), battendo così la russa Mariya Lasitskene (2.00 con percorso netto) e l’australiana Nicola McDermott (2.00 alla prima con due errori in precedenza) che l’aveva superata alle Olimpiadi. La nostra Alessia Trost chiude all’ultimo posto con tre errori a 1.84 dopo aver superato 1.80 alla seconda prova.

Filippo Randazzo è stato invece ottimo terzo nel salto in lungo: timbra 7.89 al primo tentativo e accede alla finale a tre contro lo statunitense Steffin McCarter (7.93) e il sudafricano (7.95), ma nell’atto conclusivo commette un nullo accomodandosi alle spalle di McCarter (7.99) e Samaai (7.89).

Armand Duplantis tenta per l’ennesima volta il record del mondo ma commette tre errori a 6.19 metri dopo aver già comodamente vinto la gara di salto con l’asta grazie a un percorso netto fino a 5.91 (poi 6.05 alla terza prova). Alle sue spalle si accomodano gli statunitensi Christopher Nilsen (5.85 alla prima) e KC Lightfoot (5.85 alla terza).

Lo statunitense Michael Cherry conferma il pronostico della vigilia sui 400 metri, firmando il nuovo record del meeting: 44.03 per migliorare di tre centesimi quanto fece il mitico Michael Johnson nel 1998 e per battere il grenadino Kirani James (44.51) e il botswano Isaac Makwala (44.83). Miglior prestazione mondiale stagionale sui miglio femminile per mano dell’olandese Sifan Hassan (4:14.74), due secondi abbondanti sopra il già suo record mondiale.

200 METRI (FEMMINILE) – La namibiana Christine Mboma sorprende tutte in 21.84 e si prende il lusso di sconfiggere tre grandi big come la giamaicana Shericka Jackson (21.95), la britannica Dina Asher-Smith (22.04) e la statunitense Sha’Carri Richardson (22.45).

5000 METRI (FEMMINILE) – Record nazionale per la burundiana Francine Niyonsaba (14:25.34) che vince il duello serrato con l’etiope Ejgayehu Taye (14:25.63), terza la keniana Hellen Obiri (14:26.23).

100 METRI OSTACOLI – Prestazioni non eclatanti, fa festa l’olandese Nadine Visser (12.69) che batte la nigeriana Toi Amusan per millesimi (12.69 anche per l’africana). Terza la giamaicana Megan Tapper (12.77).

1500 METRI (MASCHILE) – Doppietta australiana per mano di Stewart McSweyn (3:33.20) e Oliver Hoare (3:33.79), terzo il polacco Micahl Rozmys (3:33.96).

400 METRI OSTACOLI (MASCHILE) – Gara priva del primatista mondiale Karsten Warholm. La spunta il brasiliano Alisonn dos Santos (48.23) nei confronti di Kyron McMaster dalle Isole Vergini Britanniche (48.31) e del turco Yasmani Copello (48.45).

800 METRI (MASCHILE) – Il giamaicano Natoya Goule vince in 1:58.09 precedendo i britannici Keely Hodgkinson (1:58.16) e Jemma Reekie (1:58.77).

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ciclismo su pista, Mondiali juniores 2021: Samuele Bonetto si impone nell’inseguimento. Bronzi per Violato e Basilico

Paolo Barelli sui risultati del nuoto alle Paralimpiadi: “Grandi risultati, ma medaglie non siano usate per nascondere i problemi”