Ciclismo su pista, Filippo Ganna ed il quartetto sono in semifinale per l’oro a Tokyo 2020! Solo 8 decimi dalla Danimarca

L’Italia dell’inseguimento a squadre inizia nel migliore dei modi le Olimpiadi. Filippo Ganna, Francesco Lamon, Jonathan Milan e Simone Consonni hanno sbriciolato il precedente record italiano e hanno realizzato il tempo di 3’45″895. Solo i campioni del Mondo della Danimarca, che hanno finito la prova in 3’45″014, sono riusciti a fare meglio rispetto ai rappresentanti del Bel Paese. Il quartetto dello Stivale, dunque, si giocherà, al prossimo turno, la finale per l’oro.

Il terzo tempo, l’unico, peraltro, accostabile ai primi due, lo ha fatto registrare la Nuova Zelanda. I vicecampioni del Mondo, infatti, hanno confezionato un ottimo 3’46″079. Quarto tempo provvisorio per il Regno Unito. Il quartetto dei campioni uscenti, nonostante l’inserimento del giovane e talentuoso Ethan Vernon, non è al livello di quelli che, in passato, hanno monopolizzato la disciplina. I sudditi di Sua Maestà hanno fermato il cronometro in 3’47″507.

Nonostante la prestazione non eccellente, ad ogni modo, il Regno Unito è riuscito a strappare la quarta piazza, l’ultima che permette di giocarsi la finale per l’oro. L’Australia, che era la rivale dei britannici per l’ultimo pass, infatti, è stata danneggiata da una brutta caduta di un suo alfiere, Alexander Porter. La prova in cui l’australiano è scivolato, ad ogni modo, era stata neutralizzata e Leigh Howard e compagni hanno avuto l’opportunità di rifarla.

Tuttavia, una volta tornati in pista, gli australiani hanno confezionato un tempo di 3’48″448, decisamente peggiore rispetto a quello del Regno Unito
. Sicuramente la caduta di Porter ha danneggiato l’Australia, ma c’è da dire che già la prima volta in cui erano scesi in pista gli australiani non stavano impressionando. I portacolori dell’isola più grande dell’Oceania stavano viaggiando su tempi ben superiori a quelli della Danimarca e non sembravano una minaccia nemmeno per Italia e Nuova Zelanda.

Foto: FCI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Beach volley, Olimpiadi Tokyo. Battuti 2-0 Fijalek/Bryl, Nicolai/Lupo puntuali all’appuntamento con i quarti

LIVE Ciclismo su pista, Olimpiadi Tokyo in DIRETTA: record italiano per i quartetti azzurri, domani in palio le medaglie!