Wimbledon 2021, Matteo Berrettini spazza via Hurkacz e vendica Jannik Sinner

Questo 9 luglio si è fatta la storia del tennis italiano. Matteo Berrettini ha raggiunto la finale di Wimbledon, diventando il primo azzurro a disputare l’ultimo atto del torneo disputato sull’All England Club e facendo meglio di Nicola Pietrangeli, che si fermò in semifinale nel lontano 1960. Il caso ha voluto che per poter varcare questa soglia il romano dovesse incontrare un giocatore che quest’anno si era già frapposto fra un nostro rappresentante ed un gran successo, Hubert Hurkacz.

È ancora fresca nelle memorie degli appassionati quella domenica 4 aprile nella assolata Miami, quando il polacco ha conteso a Jannik Sinner il primo torneo Masters1000 della stagione dopo una settimana da incorniciare, in cui è riuscito a battere in serie Denis Shapovalov, Stefanos Tsitsipas e Andrey Rublev. E nell’ultimo atto gli bastò giocare un tennis solido e senza sbavature per buona parte del secondo set, approfittando di uno sbandamento del giovane avversario, per portarsi a casa il primo grande torneo della sua carriera.

E invece, questa volta, è stato lui, quell’Hurkacz parso così a proprio agio in Florida a giocarsi un 1000, a sembrare davvero fuori posto per buona parte della partita. Per quasi quaranta minuti è stato un punching ball nelle mani di Matteo, sceso in campo con gli occhi della tigre, di chi voleva cogliere solo ed esclusivamente l’occasione che si è costruito non solo in queste due settimane, ma in anni di allenamento e di miglioramento dei propri difetti. Sotto 2-0 il polacco è salito di tono, ma più per una questione nervosa e soprattutto ambientale con la spinta del pubblico, ma in fondo l’azzurro non ha mai dato l’impressione di poter perdere questa partita.

Perché Berrettini non voleva proprio perdere. Nel suo sguardo non si è colto un momento di tensione o di paura. Voleva ottenere quella finale, voleva mettere due piedi nella storia. E magari, ha voluto vendicare (riuscendoci) anche Jannik Sinner, che contro quel muro polacco ci è sbattuto talmente forte che forse un po’ di scorie gli sono rimaste addosso in questi tre mesi. Mettendo a nudo il fatto che il muro era scalfibile, e che da due anni il miglior giocatore d’Italia è e rimane lui. Ora in bacheca c’è anche una finale Slam, che a questo punto vuole far diventare qualcosa di più.

Foto:LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Hubert Hurkacz Jannik Sinner Matteo Berrettini Wimbledon 2021

ultimo aggiornamento: 09-07-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Wimbledon 2021, l’avversario di Matteo Berrettini in finale. I precedenti con Djokovic e Shapovalov

Tennis, tutti gli italiani in finale nei tornei dello Slam. Matteo Berrettini succede a Panatta dopo 45 anni!