Tour de France 2021, le pagelle della quindicesima tappa: Kuss e la Jumbo-Visma perfetti, Pogacar inscalfibile

Sepp Kuss e la Jumbo-Visma hanno confenzionato un piccolo capolavoro nell’odierna quindicesima tappa del Tour de France 2021, la Céret – Andorra-La-Vielle. Tra gli uomini di classifica c’è stata bagarre, ma nessuno è riuscito a mettere in difficoltà la maglia gialla Tadej Pogacar. I grandi sconfitti di giornata sono stati Guillaume Martin e Mattia Cattaneo, i quali hanno pagato le fatiche di ieri. Di seguito andiamo a dare i voti ai protagonisti di questa frazione con le nostre pagelle.

LE PAGELLE DELLA QUINDICESIMA TAPPA DEL TOUR DE FRANCE 2021

SEPP KUSS (JUMBO-VISMA) VOTO 10 Sulla salita finale dimostra tutt’altro passo rispetto agli altri corridori che erano in fuga con lui. Parte sul tratto duro e fa il vuoto. Nella discesa, che conosceva come le sue tasche, non solo si difende da Valverde, ma allunga ulteriormente sul murciano e mette in ghiaccio il successo parziale.

JUMBO-VISMA VOTO 9 Optano per una tattica coraggiosa, mandando Kuss, Kruijswijk e Van Aert in fuga e tenendo il solo Teunissen con Vingegaard. Alla fine, però, tornano a casa con la botte piena e la moglie ubriaca dato che vincono la tappa e Vingegaard rimonta una posizione in classifica generale.

ALEJANDRO VALVERDE (MOVISTAR) VOTO 9,5 A quarantuno anni perde le ruote del solo Kuss in salita e conclude la frazione al secondo posto. Semplicemente eterno.

WOUT POELS (BAHRAIN VICTORIOUS) VOTO 9 Si riprende la maglia a pois e conclude la frazione al terzo posto. Una giornata quasi perfetta per Poels.

DAVID GAUDU (GROUPAMA-FDJ) VOTO 5
 La sua squadra lavora tutto il giorno, ma quando viene il suo turno dimostra di non avere le gambe di questa primavera e non riesce a tenere testa a Kuss e Valverde in salita. Gli resta la terza settimana per riscattare un Tour, fin qui, molto deludente.

NAIRO QUINTANA (ARKEA-SAMSIC) VOTO 6
Conclude la giornata senza successo parziale né maglia a pois anche se, sulla salita finale, dopo un iniziale momento di difficoltà, si rende protagonista di una buona scalata.

VINCENZO NIBALI (TREK-SEGAFREDO) VOTO 6,5
Lo Squalo va in fuga, attacca e chiude la tappa all’undicesimo posto. La condizione sembra in crescita e, finalmente, lancia qualche segnale positivo in vista di Tokyo.

TADEJ POGACAR (UAE TEAM EMIRATES) VOTO 8 Si difende senza problemi in salita e fa un ulteriore passo verso il successo finale.

RICHARD CARAPAZ (INEOS), RIGOBERTO URAN (EF EDUCATION FIRST) E JONAS VINGEGAARD (JUMBO-VISMA) VOTO 7
 Sono i più forti in salita insieme alla maglia gialla, ma nessuno di loro ne ha per fare la differenza.

ENRIC MAS (MOVISTAR) VOTO 7 Il passaggio a vuoto del Ventoux è un lontano ricordo, oggi si è rivisto il Mas delle Alpi.

WILCO KELDERMAN (BORA-HANSGROHE) E BEN O’CONNOR (AG2R) VOTO 6,5 In salita sono meno forti di altri, ma si gestiscono bene e, approfittando dei momenti in cui i migliori rallentavano, riescono a concludere la frazione nel gruppo maglia gialla.

ALEXEY LUTSENKO (ASTANA) VOTO 5,5 Perde 30″ dal gruppo maglia gialla e appare in calando di condizione. Da qui in avanti non potrà fare altro che difendersi.

PELLO BILBAO (BAHRAIN VICTORIOUS) VOTO 6,5 Si gestisce alla grande, come sempre, e conclude la frazione insieme a Lutsenko. Grazie alla crisi di Cattaneo, riesce a riprendersi il decimo posto.

GUILLAUME MARTIN (COFIDIS) E MATTIA CATTANEO (DECEUNINCK-QUICK STEP) VOTO 5 Pagano le fatiche di ieri e perdono ambedue diversi minuti.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Wimbledon 2021, Matteo Berrettini: “Per me non è la fine, ma un inizio. Spero di fare altre finali, ci riproverò”

Wimbledon 2021, Matteo Berrettini è ormai un big del tennis mondiale. Forse solo Djokovic poteva batterlo sull’erba londinese