Sollevamento pesi, pazzesca Giorgia Bordignon! Argento clamoroso alle Olimpiadi a 34 anni!

Giorgia Bordignon ha disputato oggi la gara della vita alle Olimpiadi di Tokyo 2020, conquistando una straordinaria, quanto inattesa medaglia d’argento nella categoria -64 kg di sollevamento pesi. Un risultato assolutamente impronosticabile alla vigilia, che premia la tenacia di questa donna di 34 anni che non ha mai smesso di crederci e di sognare, sorretta dal grande amore che nutre verso questo sport.

Che qualcosa di magico potesse materializzarsi lo si era intuito sin dalla sessione di strappo: l’azzurra infilava tre prove valide a 98, 101 e 104 kg, migliorando di 2 kg il proprio primato nazionale e installandosi in seconda piazza ad una sola lunghezza dalla canadese Maude Charron.

Nello slancio la nativa di Gallarate faceva perfettamente il suo dovere, ancora una volta proiettandosi ben oltre i propri limiti. Altre tre prove valide a 121, 126 e 128 kg, 3 kg sopra il precedente record italiano. Per la portacolori del Bel Paese un totale complessivo di 232 kg, un miglioramento notevole rispetto ai 226 con cui aveva stabilito il primato nazionale nel 2019. A quel punto Giorgia si trovava al comando della gara e non poteva far altro che attendere le avversarie. L’unica a scavalcarla, prima di 1 kg e poi di 4, era Maude Charron, che andava a prendersi l’oro con 236 kg.

Fallivano invece i tentativi del sorpasso la taiwanese Wen-Huei Chen, alla fine bronzo con 230 kg, la colombiana Mercedes Isabel Perez Tigrero e la britannica Sarah Davies, queste ultime rispettivamente quarta e quinta a quota 227.

Giorgia Bordignon, che mai in carriera era salita sul podio nel totale neppure ad un Europeo, ha dunque disputato la gara migliore della carriera nel momento più importante. Grazie ad una condizione di forma straripante è riuscita a spingersi oltre i limiti fisici e del tempo, dimostrando che spesso l’età rappresenta più un limite mentale che una reale zavorra.

Mai il sollevamento pesi italiano aveva vinto una medaglia alle Olimpiadi in campo femminile ed arriva tra l’altro appena due giorni dopo il bronzo di Mirko Zanni dopo un digiuno di 37 anni. Ed ora il sogno sarà quello di completare un tris da sogno con Antonino Pizzolato, tra i favoriti della categoria -81 kg.

Foto: Federpesistica

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Taekwondo, Olimpiadi Tokyo: gli ultimi ori vanno a Serbia e Comitato Olimpico Russo

Equitazione, Olimpiadi Tokyo: la Germania domina come da pronostico il dressage a squadre