MotoGP, Joan Mir: “Davide non era quello che stava facendo le specifiche”

Joan Mir esprime il proprio parere ai microfoni di Autosport dopo la prima metà della MotoGP 2021. Lo spagnolo è convinto che l’uscita di scena di Davide Brivio non sia il motivo principale delle mediocri performance di Suzuki. Ricordiamo che il tecnico lombardo ha lasciato il marchio nipponico per affrontare una nuova avventura in F1 con Alpine.

La casa giapponese insegue la Top5 con Joan Mir ed Alex Rins. I due piloti si preparano a dare battaglia dal doubleheader di Spielberg, pista che per il secondo anno consecutivo accoglierà due manifestazioni.

L’iberico ha dichiarato: “Non credo. Penso che di sicuro Davide stesse facendo un super lavoro qui in Suzuki. Non sono riusciti a trovare un miglioramento, un qualcosa di tecnico. Ciò non significa che Suzuki non stia lavorando per raggiungere i rivali. Davide non era quello che stava facendo le specifiche”.

Il campione del mondo in carica ha continuato dicendo: “Dobbiamo continuare a migliorare, abbiamo visto che gli altri lo hanno fatto in un modo migliore. Suzuki ha scelto di non sostituire Brivio, il capo progetto è Shinichi Sahara. Mi fido molto di lui. È lui che ora guida tutto, è dentro il progetto e vede tutti i problemi”.

Foto: MotoGP Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Joan Mir MotoGP Motomondiale 2021 Suzuki

ultimo aggiornamento: 13-07-2021


Lascia un commento

Judo, Olimpiadi Tokyo 2021: tutti i qualificati categoria per categoria. 8 azzurri ai Giochi

Ciclismo: Peter Sagan rinuncia alle Olimpiadi