Canottaggio, gli equipaggi dell’Italia per le Olimpiadi di Tokyo: nove barche in gara in Giappone

Sono stati ufficializzati i nove equipaggi dell’Italia del canottaggio impegnati nei Giochi, ovvero tutti quelli che si erano già qualificati in occasione dei Mondiali di Linz 2019: dopo aver reso noti i 26 convocati è stata ora definita anche la composizione degli equipaggi. In Giappone, oltre ai 23 titolari, l’Italia potrà portare tre riserve per quattro senza senior maschile, quattro di coppia senior maschile e quattro di coppia senior femminile.

Va ricordato che per le quote ottenute ai Mondiali 2019 ogni Paese può far partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo in ogni barca atleti diversi rispetto a quelli che hanno qualificato la barca, e questi atleti possono gareggiare in eventi diversi ai Giochi Olimpici di Tokyo rispetto a quelli in cui hanno gareggiato nel 2019. Diversi sono i cambiamenti per l’Italia rispetto a quanto visto nel 2019.

Tra gli uomini Matteo Lodo e Giuseppe Vicino passano dal due senza al quattro senza, percorso inverso per Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo, mentre Gennaro Di Mauro vince la selezione interna con Simone Martini e sale sul singolo, infine tra le donne cambia completamente la composizione di quattro di coppia e doppio.

Quinta Olimpiade consecutiva per Simone Venier, terza per Pietro Willy Ruta, seconda per Alessandra Patelli, Valentina Rodini, Stefano Oppo, Giuseppe Vicino, Matteo Lodo, Marco Di Costanzo, Giovanni Abagnale e Matteo Castaldo, esordienti ai Giochi gli altri sedici azzurri.

GLI EQUIPAGGI DELL’ITALIA PER LE OLIMPIADI

Due senza senior femminile (conquistato da Aisha Rocek e Kiri Totodonati)* – Kiri Tontodonati (Fiamme Oro/CUS Torino), Aisha Rocek (Carabinieri/SC Lario)

Doppio pesi leggeri maschile (conquistato da Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta)* – Stefano Oppo (Carabinieri), Pietro Willy Ruta (Fiamme Oro)

Due senza senior maschile (conquistato da Matteo Lodo e Giuseppe Vicino)* – Giovanni Abagnale (Marina Militare), Marco Di Costanzo (Fiamme Oro)

Quattro senza senior maschile (conquistato da Marco Di Costanzo, Giovanni Abagnale, Bruno Rosetti e Matteo Castaldo) (+1 riserva)* – Matteo Castaldo (Fiamme Oro/RYCC Savoia), Bruno Rosetti (CC Aniene), Matteo Lodo (Fiamme Gialle), Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle)

Quattro di coppia senior maschile (conquistato da Filippo Mondelli, Andrea Panizza, Luca Rambaldi e Giacomo Gentili) (+1 riserva)* – Simone Venier (Fiamme Gialle), Andrea Panizza (Fiamme Gialle/Moto Guzzi), Luca Rambaldi (Fiamme Gialle), Giacomo Gentili (Fiamme Gialle/SC Bissolati)

Doppio pesi leggeri femminile (conquistato da Valentina Rodini e Federica Cesarini)* – Valentina Rodini (Fiamme Gialle/SC Bissolati), Federica Cesarini (Fiamme Oro/SC Gavirate)

Quattro di coppia senior femminile (conquistato da Ludovica Serafini, Silvia Terrazzi, Clara Guerra, Chiara Ondoli) (+1 riserva)* – Valentina Iseppi (CC Aniene), Alessandra Montesano (Fiamme Gialle/SC Eridanea), Veronica Lisi (SC Padova), Stefania Gobbi (Carabinieri/SC Padova)

Doppio senior femminile (conquistato da Stefania Gobbi e Stefania Buttignon)* – Alessandra Patelli (SC Padova), Chiara Ondoli (CC Aniene)

Singolo senior maschile (conquistato da Simone Martini)* – Gennaro Di Mauro (CC Aniene)

Riserve: Vincenzo Abbagnale (Marina Militare), Luca Chiumento (Fiamme Gialle/SC Padova), Clara Guerra (Fiamme Gialle/CC Pro Monopoli)

Foto: LM / Danio Vigo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ciclocross: Jolien Verschueren muore a 31 anni per un tumore al cervello

Tennis, Nick Kyrgios: “Federer, Djokovic e Nadal compaiono una volta ogni 10 anni. C’è bisogno anche di persone con cui entrare in empatia”