Roland Garros 2021: le semifinali femminili. In quattro a caccia di un sogno

Il torneo femminile del Roland Garros mai come in questa edizione ha regalato delle clamorose sorprese e continui colpi di scena. Una per una le principali favorite sono uscite di scena (ultime delle quali Iga Swiatek), lasciando spazio alle quattro attuali semifinaliste, che mai in passato erano arrivate così avanti in uno Slam e che ora vanno a caccia della loro prima incredibile finale.

Da una parte Maria Sakkari contro Barbora Krejcikova e dall’altra Anastasia Pavlyuchenkova contro Tamara Zidansek. Due semifinali quasi impossibili da pronosticare ad inizio torneo e che invece si sono creare in quella che è l’edizione del Roland Garros delle prime volte.

Ad aprire il programma saranno Pavlyuchenkova e Zidansek. La russa ha finalmente spezzato il tabù della semifinale Slam, proprio dieci anno dopo quella pazzesca rimonta subita nei quarti di finale da Francesca Schiavone. La vittoria contro la compagna di doppio Elena Rybakina è arrivata dopo una lunga battaglia, vinta solamente per 9-7 al terzo. Una vittoria sofferta anche quella della prossima rivale, visto che Zidansek ha superato 8-6 la spagnola Paula Badosa, regalando alla Slovenia la prima semifinale in un Major della sua storia.

Una prima volta anche per la Grecia, grazie ad una strepitosa Maria Sakkari, che ha probabilmente realizzato l’impresa del torneo, eliminando colei che era definita da tutte la sicura vincitrice. Un doppio 6-4 ad Iga Swiatek ed ora la sfida alla ceca Barbora Krejcikova, capace di raggiungere la semifinale sia in singolare sia in doppio, con possibilità anche di vincere il torneo in entrambi i modi visto l’ottimo livello di tennis mostrato in queste due settimane. Sarebbe veramente qualcosa di pazzesco, ma questo Roland Garros femminile ormai non smette più di stupire.

 

FOTO LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia U23, tappa di oggi Aprica-Andalo: percorso, favoriti, altimetria. Qualcuno riuscirà a battere Ayuso?

NBA Playoff 2021, i Phoenix Suns surclassano i Denver Nuggets e volano sul 2-0