NASCAR, doubleheader speciale nel ‘Tricky Triangle’

Dopo l’esordio della Cup Series in quel di Nashville tutto è pronto per il primo ed unico doubleheader del calendario della NASCAR. Il successo del 2020 ha portato gli organizzatori a confermare una doppia sfida in meno di 24 ore nell’iconico catino di Pocono, ovale che è unico in tutto il mondo.

L’impianto, situato nello Stato della Pennsylvania, è uno dei più difficili di tutto il calendario vista la sua conformazione. Dopo aver affrontato il catino in cemento più lungo in calendario, i protagonisti della Cup Series si sfidano in una pista che ha una metratura di 4.023 e tre impegnative pieghe che creano una sorta di triangolo.

Il ‘Tricky Triangle’, il soprannome con cui è indicato l’ovale di Long Pond, rievoca nelle sue curve tre ovali differenti presenti negli USA. Curva 1 ha una pendenza di 14° e rimanda al Trenton Speedway, la seconda ricorda con i suoi 8° quelle dell’Indianapolis Moto Speedway e la terza di 6° prende spunto dal Milwaukee Mile.

Le due gare saranno delle competizioni ‘sprint’, molto più corte rispetto alle competizioni che si sono tenute fino al 2019. Ricordiamo infatti che attualmente le gare sono di 130 e 140 giri contro i 200 che si tenevano solitamente. La formula del doubleheader può cambiare le carte in tavola in una pista in cui negli anni non sono mancati i colpi di scena come la clamorosa affermazione di Chris Buescher nell’estate del 2016.

Come sempre è difficile fare dei pronostici, ma sono due i nomi da cui ci si attende molto: Kevin Harvick e Denny Hamlin. Il #4 dello Stewart-Haas Racing ed il #11 del Joe Gibbs Racing non hanno ancora conquistato un successo in questo 2021 dopo aver dominato la scorsa stagione. Il campione 2014 della categoria ed il tre volte vincitore della Daytona 500 hanno l’opportunità di rifarsi nelle due prove in programma. Ricordiamo che i due si sparirono i successi nel 2020 in quello che fu il primo doubleheader della storia della NASCAR Cup Series.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Valentino Rossi affida la VR46 alla Ducati. Ma difficilmente sarà in sella con il fratello Luca Marini

Nuoto, Nicoló Martinenghi vince i 100 rana al Settecolli e timbra il record italiano!