MotoGP, Fabio Quartararo corre a petto nudo! Perde il paracostole, la tuta si gonfia!

Fabio Quartararo si è reso protagonista di un episodio eccezionale e altamente pericoloso durante le battute conclusive del GP di Catalogna 2021, settima tappa del Mondiale MotoGP andata in scena sul circuito di Barcellona. Il francese era in lotta per la vittoria con il portoghese Miguel Oliveira quando mancavano quattro giri al termine della gara, ma all’improvviso ha perso il paracostole. Il pezzo è saltato via in maniera inattesa e imprevedibile: si tratta di un dispositivo di sicurezza fondamentale per i centauri, determinante per proteggersi in caso di caduta ed evitare infortuni di grande entità.

VIDEO MotoGP, Highlights GP Catalogna 2021: Oliveira vince, Valentino Rossi cade, Bagnaia 7°

L’alfiere della Yamaha se ne è accorto subito in curva, a quel punto la sua tuta si è slacciata: i due bottoni alla base del collo sono saltati e la cerniera si è aperta. Fabio Quartararo ha dunque iniziato a correre a petto nudo, la tuta si è iniziata a gonfiare e il leader del Mondiale ha dovuto girare accartocciato sulla carena per evitare grossi problemi. Il transalpino ha perso un paio di posizioni incappando anche in una penalità di tre secondi per un’uscita di pista, ma è comunque riuscito a limitare i danni e a chiudere in quarta posizione.

Fabio Quartararo ha corso a petto nudo, in maniera coraggiosa ma anche pericolosa. Ha portato la moto al traguardo con grande caparbietà ed è rimasto in testa alla classifica del Mondiale MotoGP, anche se ha ora soltanto 17 punti di vantaggio nei confronti del connazionale Johann Zarco (oggi secondo all’arrivo alle spalle del vincitore Miguel Oliveira). Il portacolori della scuderia di Iwata partiva con tutti i favori del pronostico, ma non è riuscito a fare la differenza e poi è stato sfortunato nel finale.

Foto: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

VIDEO MotoGP, Valentino Rossi: “Un’occasione persa, ci aspettavamo di più”

MotoGP, Valentino Rossi: “La moto vibrava, mi superavano tutti. Yamaha ha novità per i Test di domani”