Giro di Svizzera 2021, colpo doppio di Richard Carapaz. L’ecuadoriano trionfa nella quinta tappa e indossa la maglia di leader

Quinta tappa del Giro di Svizzera 2021, la Gstaad-Leukerbad, di 175.2 chilometri, densa di emozioni. Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) trionfa in volata su Jakob Fuglsang (Astana-Premier Tech). L’ecuadoriano grazie al successo odierno indossa anche la maglia di leader. In casa Italia ottima prova di Domenico Pozzovivo (Qhubeka Assos) che chiude ottavo a 39” dal vincitore.

Dopo pochi chilometri di lotta prende il largo la fuga composta da Mathieu van der Poel (Alpecin Fenix), Hermann Pernsteiner (Bahrain Victorius), Sergio Samitier (Movistar), Claudio Imhof (Svizzera). Il vantaggio massimo per gli attaccanti è di 3’50”. A fare il ritmo in testa al gruppo sempre la Astana – Premier Tech, la Deceuninck – QuickStep e la Ineos Grenadiers.

La squadra di Carapaz intensifica l’azione dopo metà gara e il vantaggio dei fuggitivi pian piano si assottiglia, fino al ricongiungimento al termine del secondo GPM di giornata.  A circa 25 km dal traguardo in un tratto in salita ci prova Antwan Tolhoek (Jumbo-Visma) che nel giro di poche centinaia di metri viene ripreso e staccato da  Esteban Chaves (Team Bike Exchange) che si porta a 50” sul gruppo.

A un chilometro dallo scollinamento attacca Jakob Fuglsang (Astana-Premier Tech), che si lancia all’inseguimento del leader. In discesa Chaves sbaglia una curva e viene raggiunto dal danese. Il gruppo con i favoriti inizia la salita finale con una ventina di secondi di ritardo. Proprio sull’ultima asperità, Fuglsang stacca Chaves a 5,5 km dal traguardo ma ai -4 km  attacca Richard Carapaz (Ineos-Grenadiers). L’ecuadoriano riprende rapidamente prima Chaves staccandolo e riaggancia il capitano dell’Astana.

Negli ultimi metri Carapaz beffa Fuglsang e porta a casa il successo di tappa. In terza piazza Michael Woods che regola il gruppetto dei big che taglia il traguardo a 39” dal vincitore, di questo plotoncino fa parte anche Domenico Pozzovivo che chiude ottavo. Il ciclista della Ineos Grenadiers sale in testa alla classifica generale con 26” sul danese e 33” su Alaphilippe.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro del Belgio 2021, Remco Evenepoel torna al successo nella cronometro di Knokke-Heist

NBA, Rudy Gobert è il difensore dell’anno. Larga vittoria per il lungo degli Utah Jazz