Beach volley, World Tour 2021 Ostrava. Windisch/Cottafava vincono il derby! Rossi/Carambula: per Tokyo si deve attendere

Derby con finale a sorpresa nel primo turno del torneo 4 stelle di Ostrava in Repubblica ceca. A vincere, stavolta, sono Jakob Windisch e Samuele Cottafava, la coppia emergente del beach volley azzurro che hanno sconfitto 2-1 Enrico Rossi e Adrian Carambula che restano ampiamente in corsa per la qualificazione olimpica nonostante questo passo falso e domattina giocheranno una sorta di suggestivo “spareggio” contro i cileni Grimalt/Grimalt.

Nella sfida in programma questa mattina a partire meglio sono stati Rossi/Carambula che hanno condotto fino al 17-15 del primo set, salvo poi commettere qualche errore di troppo e permettere a Windisch/Cottafava di rientrare in gioco e di ribaltare la situazione a loro favore ai vantaggi: 25-23. Nel secondo set diventa tutto facile per Rossi/Carambula che nel finale prendono il largo (18-15) e riescono a pareggiare il conto: 21-17.

Il tie break è una roulette di emozioni: Rossi/Carambula scattano avanti 7-4, si fanno raggiungere, si presentano avanti 13-12 alla volata finale ma Windisch/Cottafava non mollano, annullano tre match ball, ribaltano la situazione e si impongono 21-19, conquistandosi la certezza della qualificazione (la seconda dopo il terzo torneo di Cancun) alla fase ad eliminazione diretta del main draw e una prestigiosa finale del girone contro gli statunitensi Bourne/Crabb.

Rossi/Carambula, invece, avranno la possibilità di conquistare l’accesso ai Giochi olimpici direttamente sul campo contro una delle coppie rivali nella corsa a Tokyo, quella cilena composta dai cugini Grimalt/Grimalt che, ironia della sorte, sono allenati da Paulao, tecnico che ha guidato prima Carambula quando era in coppia con Ranghieri e poi anche Rossi quando era in coppia con Caminati. In caso di successo Rossi/Carambula sarebbero qualificati per Tokyo e anche in caso di sconfitta, comunque, gli azzurri manterrebbero altissime le possibilità di qualificazione ai Giochi visto che Grimalt/Grimalt dovrebbero salire sul podio e la forma dei cileni (oggi sconfitti nettamente da Bourne/Crabb) non sembra certo quella dei giorni migliori.

Un film già visto per Marta Menegatti e Viktoria Orsi Toth la finale per il terzo posto del girone a cui saranno costrette le azzurre contro le olandesi Stam/Schoon, sconfitte a Sochi nella stessa situazione una settimana fa. La coppia italiana, infatti, ha perso il primo match del torneo di Ostrava dopo un’ora di battaglia durissima contro le canadesi Bainsley/Wilkerson che avevano iniziato bene aggiudicandosi il primo set 21-17 senza troppe difficoltà.

Nel secondo set le azzurre annullano tre match point e, dal 21-22, piazzano il break decisivo per pareggiare il conto: 24-22. Nel tie break, però, la coppia italiana inizia malissimo (0-4), riesce a rimontare fino al 9-10 e si blocca nuovamente cedendo con il punteggio di 10-15. Alle 15.10 la sfida con le olandesi, decisiva per proseguire nel torneo. Tra poco in campo Lupo/Nicolai contro gli austriaci Doppler/Horst

Semifinali gironi femminili. Pool A: Agatha/Duda (BRA)-Williams/Stochlova (CZE) 2-0 (21-17, 21-13), Bieneck/Schneider (GER)-Stockman/Kolinske (USA) 2-1 (23-21, 15-21, 20-18). Pool B: Pavan/Melissa (CAN)-Schoon/Stam (NED) 2-1 (21-17,19-21, 15-12), Menegatti/Orsi Toth (ITA)-Bansley/Brandie (CAN) 1-2 (17-21, 24-22, 10-15). Pool C: Heidrich/Vergé-Dépré (SUI)-Frolova/Voronina (RUS) 2-0 (21-16, 21-17), Borger/Sude (GER)-Barbara/Carol (BRA) 2-1 (21-18, 15-21, 15-10). Pool D: Alix/April (USA)-Kvapilova/Kubickova (CZE) 2-0 (21-12, 21-18), Keizer/Meppelink (NED)-Ishii/Murakami (JPN) 2-0 (21-9, 21-18). Pool E: Talita/Taiana Lima (BRA)-Dabizha/Rudykh (RUS) 2-0 (21-11, 21-9), Liliana/Elsa (ESP)-Schützenhöfer/Plesiutschnig (AUT) 2-0 (21-18, 21-19). Pool F: Kozuch/Ludwig (GER)-Lehtonen/Ahtiainen (FIN) 2-1 (17-21, 21-18, 15-13), Hüberli/Betschart (SUI)-Behrens/Ittlinger (GER) 2-0 (21-13, 21-13). Pool G: Makroguzova/Kholomina (RUS)-Soria/Carro (ESP) 2-0 (21-14, 21-9), Kravcenoka/Graudina (LAT)-Megan/Nicole (CAN) 0-2 (20-22, 17-21). Pool H: Hermannova/Slukova (CZE)-Amaranta/Lobato (ESP) 2-0 (21-15, 21-17), Sponcil/Claes (USA)-Wojtasik/Kociolek (POL) 2-0 (21-14, 21-19).

Finali primo posto gironi femminili: Agatha/Duda (BRA)-Bieneck/Schneider (GER), Pavan/Melissa (CAN)-Bansley/Brandie (CAN), Heidrich/Vergé-Dépré (SUI)-Borger/Sude (GER), Alix/April (USA)-Keizer/Meppelink (NED), Talita/Taiana Lima (BRA)-Liliana/Elsa (ESP), Kozuch/Ludwig (GER)-Hüberli/Betschart (SUI), Makroguzova/Kholomina (RUS)-Megan/Nicole (CAN), Hermannova/Slukova (CZE)-Sponcil/Claes (USA)

Finali terzo posto gironi femminili: Williams/Stochlova (CZE)-Stockman/Kolinske (USA), Schoon/Stam (NED)-Menegatti/Orsi Toth (ITA), Frolova/Voronina (RUS)-Barbara/Carol (BRA), Kvapilova/Kubickova (CZE)-Ishii/Murakami (JPN), Dabizha/Rudykh (RUS)-Schützenhöfer/Plesiutschnig (AUT), Lehtonen/Ahtiainen (FIN)-Behrens/Ittlinger (GER), Soria/Carro (ESP)-Kravcenoka/Graudina (LAT), Amaranta/Lobato (ESP)-Wojtasik/Kociolek (POL).

Semifinali gironi maschili. Pool A: Perusic/Schweiner (CZE)-Menéndez/Huerta (ESP), Samoilovs/Smedins (LAT)-Herrera/Gavira (ESP). Pool B: Mol/Sørum (NOR)-Manas/Sedlak (CZE), Crabb/Gibb (USA)-Dollinger/Wickler (GER). Pool C: Cherif/Ahmed (QAT)-Bercik/Dumek (CZE) 2-0 (21-14, 21-17), Fijalek/Bryl (POL)-Andre/George (BRA) 2-0 (21-15, 21-14). Pool D: Krasilnikov/Stoyanovskiy (RUS)-Åhman/Hellvig (SWE) 2-0 821-18, 21-17), Varenhorst/van de Velde (NED)-Ehlers/Flüggen (GER) 1-2 (21-13, 19-21, 13-15). Pool E: Carambula/Rossi (ITA)-Windisch/Cottafava (ITA) 1-2 (23-25, 25-17, 20-22), Crabb/Bourne (USA)-Grimalt/Grimalt (CHI) 2-0 (21-17, 21-16). Pool F: Semenov/Leshukov (RUS)-Saxton/O’Gorman (CAN) 1-2 (21-17, 20-22, 13-15), Plavins/Tocs (LAT)-Brouwer/Meeuwsen (NED). Pool G: Kantor/Losiak (POL)-Boermans/de Groot (NED), Lucena/Dalhausser (USA)-Seidl/Waller (AUT). Pool H: Alison/Álvaro Filho (BRA)-Liamin/Myskiv (RUS), Nicolai/Lupo (ITA)-Doppler/Horst (AUT)

Foto Fivb

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto2, GP Catalogna 2021: Gardner e Fernandez provano la fuga, Bezzecchi deve salire di colpi

LIVE Pro Recco-Hannover 16-9, Champions League pallanuoto in DIRETTA: i liguri dilagano e vanno in semifinale!