Basket: Virtus Bologna, è ancora notte di gloria a Milano. Teodosic abbatte l’Olimpia, è 0-2 nella finale scudetto

Ancora colpo esterno al Mediolanum Forum di Assago. La Virtus Segafredo Bologna passa nuovamente sul parquet dell’Olimpia A|X Armani Exchange Milano: 72-83 il punteggio di gara-2 della finale scudetto, che va così sullo 0-2 per gli uomini di Sasha Djordjevic, ora attesi a una doppia sfida potenzialmente decisiva in casa. 21 i punti di un decisivo Milos Teodosic, cui si accompagnano i 15 di Giampaolo Ricci, i 13 di Marco Belinelli e tanto apporto da Markovic e Pajola nel finale. Shavon Shields, per la squadra di Ettore Messina, si riprende dopo la brutta gara-1 con 16 punti, ma non basta.

Datome cerca subito di mettere in chiaro le cose con la tripla che apre l’incontro, Ricci risponde col rimbalzo in attacco del 3-2. Weems è l’uomo Virtus dei primi istanti, anche con la tripla del 5-5 e poi l’importante momento che porta fino al 6-12 le V nere in collaborazione con Belinelli. Non ci pensa due volte Milano a reagire, con Shields, Rodriguez e tanto Punter a trovare il parziale di 10-0 prima del gioco da quattro punti ancora di Belinelli della parità a quota 16. Ci pensano prima il Chacho e poi Shields con l’affondata a fissare il punteggio sul 21-16 a fine primo quarto.

Il recupero bolognese porta tanta firma di Gamble, grandissimo protagonista dello 0-9 che riporta avanti gli ospiti, ma una menzione speciale va anche all’ottima difesa di questi minuti. Segue una situazione di relativo equilibrio, con le V nere sempre avanti di poco fino a quando Delaney e LeDay decidono che è il momento di ricominciare: 35-33. Proprio LeDay è gran protagonista, se non da solo quasi, della parte restante del periodo per i suoi, mentre dall’altra parte sono in diversi a tenere attaccati i bianconeri: all’intervallo è 41-40.

L’incertezza continua a regnare sovrana al ritorno sul parquet, con Ricci e Teodosic da una parte e Shields e LeDay dall’altra che si contendono il ruolo di coppia che padroneggia la festa. Si arriva a duellare a colpi di triple, con quella di Punter del 47-47 e quella di Teodosic del 47-50. Continuano i tentativi di allungo ospiti, tutti respinti da Milano, ora trascinata da Rodriguez, che porta anche in vantaggio l’Olimpia quando finisce il terzo quarto: con 10 minuti da giocare il punteggio è 59-58.

Con l’ultimo periodo, iniziano anche i tantissimi problemi al tiro dell’Olimpia, che sostanzialmente quasi non fa più canestro dal campo (finirà con 2/17 e “solo” un 8/11 dalla lunetta a tentare di salvare la situazione). Le V nere sentono che possono piazzare di nuovo il colpo esterno, e con la regia e i canestri di Markovic, la tripla di Pajola del 63-60 e poi quella decisiva di Teodosic del +10 scavano un solco che non è più colmabile dagli uomini di Messina. Quasi sulle gambe, Milano è costretta a cedere di nuovo, e a questo punto la Virtus si ritrova con un’opportunità per la quale avrebbe firmato ben volentieri all’inizio della serie: poterla chiudere con le due gare alla Segafredo Arena.

OLIMPIA A|X ARMANI EXCHANGE MILANO-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 72-83 (21-23, 41-40, 59-58)

MILANO: Punter 12, Hines 4, LeDay 11, Rodriguez 12, Moraschini 0, Datome 6, Delaney 10, Biligha 0, Brooks 0, Shields 16, Cinciarini ne, Wojciechowski ne. All. Messina

BOLOGNA: Hunter 4, Weems 11, Pajola 5, Markovic 3, Abass 0, Alibegovic 7, Teodosic 21, Belinelli 13, Gamble 4, Ricci 15, Adams ne, Nikolic ne. All. Djordjevic

Credit: Ciamillo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tiro a volo, Europei 2021: l’Italia fa l’Italia. De Filippis fuga ogni dubbio sulla sua convocazione a Tokyo

WTA Bol 2021, risultati 7 giugno: vincono Samsonova e Paolini, ritiro di Minnen