ATP Mallorca 2021, Medvedev e Carreno Busta in semifinale, Bautista Agut ko. Djokovic vince ancora nel doppio, ma non giocherà la finale

Ci avviciniamo alla stretta finale dell’ATP di Mallorca. Sull’erba del torneo spagnolo quattro i match validi per i quarti di finale andati in scena e i risultati sono stati di rilievo.

Si parte dalle conferme che hanno i nomi di Daniil Medvedev e di Pablo Carreno Busta. Il russo (n.2 del mondo) ha regolato per 7-5 6-1 il norvegese Casper Ruud (n.14 del ranking). Dopo un primo parziale lottato, il nativo di Mosca ha preso il largo e per lo scandinavo non c’è stato molto da fare. In semifinale Medvedev dovrà vedersela proprio contro Carreno Busta (n.13 del ranking), uscito vittorioso per 6-4 6-4 contro l’australiano Jordan Thompson (n.76 ATP). Un successo convincente per l’iberico che sull’erba di casa ha saputo trovare ottime sensazioni.

Ha deluso invece le attese Robert Bautista Agut. Il semifinalista a Wimbledon nel 2019 si è arreso al “big server” Sam Querrey (n.60 del mondo) sul punteggio di 6-3 7-6 (4). Una prestazione sottotono dello spagnolo, al cospetto di un Querrey autore di una prestazione al servizio notevole, tenuto conto dei 25 ace messi a segno.

Sarà dunque lo statunitense ad affrontare il francese Adrian Mannarino (n.42 del ranking) che ha superato in tre set 6-4 3-6 6-3 l’iberico Feliciano Lopez (n.90 ATP). Nella sfida tra mancini, il francese ha avuto la meglio, tenuto conto della sua maggior regolarità coi colpi da fondo, mentre Lopez ha ecceduto coi gratuiti.

Non è presente nel tabellone di singolare, ma Novak Djokovic fa parlare di sè. Il serbo (n.1 del mondo) in coppia con lo spagnolo Carlos Gomez-Herrera ha dato seguito alla propria avventura e a cadere sotto i colpi del duo sono stati Marach/Qureshi (teste di serie n.3) sullo score di 6-3 7-6 (4). Per Nole c’è quindi la Finale di doppio, che il serbo, però, non giocherà per l’infortunio di Gomez-Herrera. Di conseguenza la semifinale tra Daniell/Oswald e Bolelli/Gonzalez diventa una finale.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis: i convocati della Gran Bretagna per le Olimpiadi. C’è Andy Murray

Tour de France 2021, le previsioni meteo per il mese di luglio. Occhio al maltempo nei primi giorni