Giro d’Italia, Gianluca Brambilla contro Bennett: “A volte è meglio guardare un po’ di gare in TV, così puoi imparare”

Doveva essere una giornata dalle grandi chance personali per Gianluca Brambilla. Invece, il finale della tappa odierna con arrivo a Bagno di Romagna, non ha affatto sorriso al trentatreenne della Trek-Segafredo, retrocesso al quarto posto per via di una deviazione ai danni di George Bennett in prossimità della linea del traguardo.

Lo stesso Brambilla aveva alimentato l’azione finale che ha deciso i contendenti per la vittoria di tappa, attaccando in prima persona sull’ascesa conclusiva del giorno, il Passo del Carnaio; GPM a cui hanno resistito soltanto lui, lo stesso Bennett, Christopher Hamilton e il vincitore di tappa Andrea Vendrame. Brambilla e Bennett si sono fatti ingannare dalla coppia formata dall’azzurro e dall’australiano alzando bandiera bianca a 2,8 chilometri dal traguardo, poiché lo stesso portacolori della Trek si è rifiutato di guidare l’inseguimento accusando il neozelandese di avergli fatto perdere l’attimo giusto. 

Proprio in questo frangente, Brambilla e Bennett si sono subito scontrati a parole mentre inseguivano i due contendenti alla tappa, e nella volata a due per giocarsi la piazza d’onore del giorno, l’italiano ha volontariamente tagliato la strada all’avversario, che ha reagito alzando il braccio destro in segno di protesta.

Brambilla è stato poi raggiunto dai microfoni di Eurosport, a cui inizialmente ha dichiarato: “Non ho niente da dire”. In breve tempo però, è arrivata la retrocessione al quarto posto dell’azzurro, che si è lasciato andare ad uno sfogo personale: “Basta chiedere a George Bennett come perdere la gara. A volte è meglio guardare un po’ di gare in TV, così puoi imparare come farle.”

Brambilla ha poi proseguito parlando della tappa odierna tramite un comunicato stampa della sua formazione: Il rammarico di non esser stato in grado di giocarmi l’occasione per la vittoria è forte. Abbiamo lottato tutto il giorno. I primi 65 km sono stati a tutto gas per trovare la fuga, poi quasi 150 km sull’attacco per guadagnare abbastanza tempo. Non avere possibilità di fare lo sprint è un peccato e mi dispiace, in primis per la squadra. Siamo venuti al Giro principalmente per vincere le tappe e oggi abbiamo perso un’occasione”.

“Vendrame ha vinto con merito, nel gruppo finale è stato il più veloce. Lo sapevo ed è per questo che ho provato più volte, in salita e in discesa, a fare un’ulteriore selezione. Ho attaccato per vincere la tappa anche se sapevo di poter perdere. È andata così e non posso fare altro che aspettare con impazienza le prossime opportunità. La condizione è buona, riproverò”. Infine si è soffermato sul declassamento personale:Accetto la decisione della giuria. Il modo in cui l’ho visto svolgersi è questo: ero in testa, Bennett è sempre rimasto a ruota, il traguardo tirava a destra e io ho mantenuto una traiettoria a sinistra. È tutto.”

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
George Bennett Gianluca Brambilla Giro d'Italia 2021 Trek-Segafredo

ultimo aggiornamento: 20-05-2021


Lascia un commento

Vincenzo Nibali, 7″ per urlare al mondo che il suo Giro d’Italia non è finito

Giro d’Italia 2021, Giulio Ciccone reagisce con orgoglio e non si arrende. Lo Zoncolan sarà lo spartiacque