Giro d’Italia 2021, pagelle quindicesima tappa: Campenaerts show, bene Consonni

PAGELLE QUINDICESIMA TAPPA GIRO D’ITALIA 2021

Victor Campenaerts, voto 9: da cronoman si è reinventato uomo da fughe e finalmente è arrivata una grande perla. Spesso e volentieri all’attacco in queste prime settimane del Giro, molto attivo anche ad aiutare i compagni di squadra. La Qhubeka-Assos trova la terza perla della Corsa Rosa con il belga. Il modo di correre sarà molto discutibile, visti i continui attacchi e una tattica non del tutto comprensibile, ma alla fine è il risultato che conta.

Oskar Riesebeek, voto 7,5: la tattica del belga forse ha tradito l’olandese. L’uomo dell’Alpecin-Fenix trova il passo giusto e, oltre a centrare la fuga di giornata, segue un Campenaerts scatenato all’attacco sull’ultima ascesa. Non si fa sfuggire il corridore della Qhubeka-Assos, rilancia, prova anche ad andar via in solitaria, ma nel momento decisivo, quello della volata a due, vengono a mancare le forze.

Nikias Arndt, voto 7: lui, da velocista puro, è diventato attaccante di grande qualità. Seconda fuga importante centrata in questo Giro d’Italia e ancora una volta trova il podio, dopo quello di Guardia Sanframondi. Si merita la vittoria.

Simone Consonni, voto 7: da ultimo uomo per Elia Viviani, oggi ha spazio per provarci con i gradi di capitano andando all’attacco da lontano. Tiene bene sulle salite, purtroppo però lo sprint finale è valido solo per i piazzamenti: in ogni caso eccellente la sua quarta posizione.

Dario Cataldo, voto 6,5: con Marc Soler che si è ritirato la Movistar sarà costretta a fare una gara all’attacco. L’abruzzese è il corridore ideale per questo tipo di corsa: anche oggi ci prova e per poco non trova il colpaccio. Sesta posizione.

Lotto Soudal, voto 5: Stefano Oldani e Harm Vanhoucke nella fuga di giornata, una coppia che sicuramente poteva giocarsi le proprie carte al meglio. Invece sbagliano i tempi, non seguono Campenaerts, sono costretti ad inseguire e alla fine finiscono entrambi fuori la top-10.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2021, Egan Bernal: “Domani sarà una tappa dura non solo in salita ma bisognerà fare attenzione in discesa. Yates merita rispetto”

‘La Fagianata’ di Riccardo Magrini: “Yates spera in un passo falso di Bernal. Nibali mi sembra rassegnato”