Giro d’Italia 2021, Mauro Vegni: “Basta pietismi! I ciclisti hanno scelto questo lavoro, i rischi ci sono”

Il Giro d’Italia ha vissuto una delle giornate più brutte degli ultimi anni e il danno di immagine è stato enorme. La tappa regina della Corsa Rosa è stata privata di Fedaia e Pordoi a causa di avverse previsioni meteo, dopo un accordo tra gli organizzatori di RCS Sport e il sindacato dei ciclisti. La frazione dolomitica è vissuta interamente sul Passo Giau, dove il colombiano Egan Bernal ha attaccato in maniera perentoria e ha trionfato sul traguardo di Cortina d’Ampezzo, rafforzando la sua maglia rosa. L’Italia sogna in grande con Damiano Caruso, giunto a 27” di ritardo dal sudamericano e ora secondo in classifica a 2’24” dal capitano della Ineos-Grenadiers.

Mauro Vegni, direttore di corsa, è intervenuto al Processo alla Tappa su Rai 2 per analizzare quanto successo in questo lunedì, caratterizzato anche dall’assenza delle immagini televisive negli ultimi 22 km: “I corridori volevano partire? Bisognerebbe vedere quale è la verità. Quando si inizia a fare circolare voci tra i corridori è difficile contenerle. Vista la condizione abbiamo deciso di non fare disputare le salite, era la richiesta iniziale dei corridori. Lo abbiamo fatto per non trovarci di fronte a scene non belle come è accaduto altre volte. Ci siamo accordati per fare una gara vera arrivando a Cortina“.

L’uomo di RCS Sport ha puntualizzato: “Non c’erano condizioni estreme. Il ciclismo è fatto anche di questo, lo abbiamo visto nel passato, ma bisognerebbe non continuare a fare pietismi su un lavoro che è una scelta: qualche rischio c’è. I corridori devono capire che questa è la loro attività: noi cerchiamo di proteggerli ma è chiaro che si troveranno di sempre una difficoltà, altrimenti diventa un altro sport“.

Poi l’affondo finale: “Da qui in avanti i rapporti li farò con i corridori e non con le squadre. C’è da capire quando sei dipendente di una squadra o no, perché le squadre dicono una cosa e poi i corridori un’altra, cambiamo opinioni troppo spesso e questo non ci dà la possibilità di avere chiarezza. Fate una grande confusione: intervistate le persone che sono sull’ammiraglia e non i corridori che sono sulla strada e poi possono decidere cose diverse da quelle concordate“.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2021 Mauro Vegni

ultimo aggiornamento: 24-05-2021


Lascia un commento

Giro d’Italia 2021, Egan Bernal: “Avrei preferito la tappa originaria”

Classifica Giro d’Italia 2021, 16ma tappa: Caruso 2° a 2’24” da Bernal! Ciccone a 51″ dal podio, 15° Nibali