Giro d’Italia 2021: a sorpresa arriva la fuga, trionfa Taco van der Hoorn. Secondo Davide Cimolai

Arriva la fuga nella terza tappa del Giro d’Italia 2021. Nella frazione con partenza da Biella ed arrivo a Canale trova l’impresa Taco van der Hoorn (Intermarchè Wanty Gobert). Eccezionale l’olandese nel gestirsi sul finale, trionfando a braccia alzate con un leggero margine sul gruppo. Resta in Maglia Rosa Filippo Ganna. 

La pioggia ad accompagnare la partenza dei corridori. Nelle prime fasi è andata via la fuga di giornata, formata da otto uomini: Alexis Gougeard (AG2R Citroen Team), Andrii Ponomar, Simon Pellaud (Androni Giocattoli-Sidermec), Samuele Zoccarato (Bardiani CSF Faizané), Vincenzo Albanese, Samuele Rivi (Eolo Kometa), Lars van den Berg (Groupama-FDJ) e Taco van der Hoorn (Intermarchè Wanty Gobert).

Il gruppo ha concesso un vantaggio massimo di circa 6‘, ma a mano a mano è andato ovviamente a recuperare. A dettare il ritmo nel plotone soprattutto la Bora-hansgrohe, che sui vari strappi presenti nella fase finale di gara è andata ad alzare l’andatura, mettendo in difficoltà quasi tutti i velocisti presenti. Nel frattempo davanti molto bene Albanese, che ha confermato la propria Maglia Azzurra di leader degli scalatori.

Il tutto si è andato a decidere sulla salitella di Guarene. Davanti sono rimasti solamente Pellaud e van der Hoorn, mentre dal plotone si sono mossi Tony Gallopin (AG2R Citroen) e Giulio Ciccone (Trek-Segafredo). Sull’ultimo strappetto, a 5 chilometri dal traguardo, van der Hoorn è andato via in solitaria, mentre nel gruppo a tirare si è messa la UAE Emirates.

L’olandese al comando però a sorpresa è riuscito a gestire un leggero margine arrivando a braccia alzate sul traguardo. Beffa per il plotone: a vincere la volata per i piazzamenti è stato Davide Cimolai (Israel Start-Up Nation) su Peter Sagan (Bora-hansgrohe). Quarto Elia Viviani, nella top-10 anche Alberto Bettiol, Stefano Oldani e Jacopo Mosca.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Pentathlon, Finali Coppa del Mondo 2021: ripescata Elena Micheli, sarà in gara con Alice Sotero

Giro d’Italia 2021: ordine d’arrivo e classifica tappa di oggi. Taco Van Der Hoorn batte il gruppo a Canale. Cimolai secondo con rammarico