F1, Carlos Sainz: “Abbiamo sbagliato tutto. La Ferrari era da top5”

Carlos Sainz è uno dei principali delusi dell’odierno Gran Premio di Portogallo. Lo spagnolo, scattato dalla quinta casella, ha concluso solo undicesimo, addirittura fuori dalla zona punti. L’iberico della Ferrari è stato vittima di un autentico crollo nel finale e ha archiviato un risultato davvero al di sotto delle aspettative. Quali sono le sue sensazioni al termine del GP? Ecco quanto dichiarato al microfono di Mara Sangiorgio su Sky Sport F1.

“La partenza è stata buona, tutto andava bene fino al giro 24, quando ho messo la media per provare a fare l’undercut su Norris. Però abbiamo subito iniziato a soffrire di problemi legati al graining e mancava ancora una vita alla fine della gara. Ho spinto tantissimo per provare a sorpassare Lando, ma da lì in poi non c’è stato più niente da fare. Troppo graining e troppo sottosterzo, così siamo finiti indietro”.

Come mai si è presentato questo problema? Forse gli pneumatici sono stati sforzati troppo per provare a scavalcare Norris? “Sappiamo che è importante non stressare troppo gli pneumatici nei primi giri. Abbiamo deciso di prenderci il rischio di tentare l’undercut. Però non ci aspettavamo in alcun modo una performance del genere da parte della media. Quei giri tirati al massimo ci hanno fatto mangiare tutta la gomma anteriore e da lì siamo andati indietro perché c’era troppo sottosterzo”.

F1, Charles Leclerc: “Colpa mia se non siamo quinti. Soffriamo vicino alla McLaren”

Su cosa ci sarà da riflettere e c’è qualcosa di buono dal GP di Portogallo? “Sono critico, non è stata una gara buona per noi. Avevamo tutti gli ingredienti per arrivare tra i primi cinque, il passo durante il weekend c’era. Però abbiamo sbagliato tutti i momenti importanti e dobbiamo imparare da questi errori. Bisogna capire cosa è stato sbagliato per tornare più forti, in maniera tale da comprendere al meglio la macchina e il feeling con essa”.

Foto: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Sergio Perez: “Speravo in un risultato migliore, ma ci sono comunque degli aspetti positivi”

MotoGP, Marc Marquez: “Ho sofferto fisicamente, avevo il collo bloccato. Il braccio sta meglio, ma…”