Ciclismo, Ranking UCI (4 maggio): l’Italia sprofonda al settimo posto! Continua la discesa. Roglic in testa

Primoz Roglic resta sempre saldamente in testa al ranking UCI, la classifica stilata settimanalmente dall’Unione Ciclistica Internazionale. Lo sloveno, lo scorso anno vincitore della Vuelta di Spagna e secondo al Tour de France, occupa la prima posizione con 4886 punti dopo una settimana priva di eventi. Il suo connazionale Tadej Pogacar lo insegue a poco più di 900 punti di ritardo dopo aver vinto la Liegi-Bastogne-Liegi nove giorni fa.

Il belga Wout van Aert rimane al terzo posto con 3811 punti. Non ci sono stati cambiati nella top-10 in una settimana caratterizzata esclusivamente dal Giro di Romandia. Il francese Julian Alaphilippe, Campione del Mondo, è quarto davanti alll’olandese Mathieu van der Poel. L’eterno spagnolo Alejandro Valverde è spettacolare sesto! Completano la top-10 il portoghese Joao Almeida, il francese Arnaud Demare, il danese Jakob Fuglsang, il russo Aleksandr Vlasov.

Il migliore italiano è Giacomo Nizzolo, 20mo con 1343 punti. Il lombardo ha perso una piazza rispetto alla scorsa settimana. Diego Ulissi ora è 27mo. Filippo Ganna 40mo. Bisogna scendere ancora di più in graduatoria per trovare Matteo Trentin (47mo), Davide Ballerini (48mo) e Vincenzo Nibali (52mo). Fausto Masnada recupera addirittura 65 posizioni grazie al terzo posto nella classifica generale del Romandia e ora è 72mo.

L’Italia sprofonda nel ranking per Nazioni e perde un’altra posizione! Il Bel Paese ora è soltanto settimo con 7394 punti. A operare il sorpasso è stata la Gran Bretagna, grazie alla vittoria di Geraint Thomas nella classifica generale del Giro di Romania. L’Italia è comunque vicinissima a chi la precede direttamente: la Gran Bretagna è lontana 73 punti, l’Olanda appena 5 lunghezze. Il margine su Australia (6710) e Danimarca (6209,6) è relativamente confortante. Il Belgio si conferma in testa con 10.392 punti, appena 66 di vantaggio sulla Francia (10.326). La Slovenia è in scia (10.125), la Spagna occupa la quarta posizione. Di seguito i ranking UCI di ciclismo aggiornati a martedì 4 maggio (prossima revisione tra sette giorni esatti).

RANKING UCI INDIVIDUALE (TOP-10)

1. Primoz Roglic (Slovenia) 4886
2. Tadej Pogacar (Slovenia) 3918
3. Wout van Aert (Belgio) 3811
4. Julian Alaphilippe (Francia) 2423
5. Mathieu van der Poel (Paesi Bassi) 2381
6. Alejandro Valverde (Spagna) 1910
7. Joao Almeida (Portogallo) 1787
8. Arnaud Demare (Francia) 1781
9. Jakob Fuglsang (Danimarca) 1761
10. Aleksandr Vlasov (Russia) 1644

RANKING UCI ITALIANI (TOP-200)

20. Giacomo Nizzolo 1343
27. Diego Ulissi 1144
43. Filippo Ganna 931
47. Matteo Trentin 865
48. Davide Ballerini 854
51. Sonny Colbrelli 820
52. Vincenzo Nibali 804
70. Damiano Caruso 633
72. Fausto Masnada 626
86. Giulio Ciccone 478
105. Andrea Pasqualon 384
118. Andrea Vendrame 358
119. Luca Mozzato 349
123. Matteo Fabbro 342
124. Andrea Bagioli 338
134. Jacopo Mosca 312
138. Gianluca Brambilla 306
145. Kristian Sbaragli 295
171. Elia Viviani 232
176. Fabio Felline 230,71
182. Alessandro Fedeli 224
187. Filippo Fiorelli 220
199. Lorenzo Rota 209
200. Alessandro De Marchi 206

RANKING UCI NAZIONI (TOP-10)

1. Belgio 10392
2. Francia 10326
3. Slovenia 10125
4. Spagna 8134
5. Gran Bretagna 7467
6. Paesi Bassi 7399
7. Italia 7394
8. Australia 6710
9. Danimarca 6209,6
10. Colombia 4677

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto, Coppa Italia 2021: altro cambio di programma, l’Ortigia dovrebbe esserci nella semifinale di stasera

Vela, Marta Maggetti: “Arriverò a Tokyo da outsider, ma punto molto in alto”