Rugby, Rainbow Cup 2021: la Benetton Treviso riparte dai Warriors per ritrovare se stessa

Parte questo weekend la nuova Rainbow Cup, il torneo che affianca il Guinness Pro 14 e che, nelle intenzioni, era stato ampliato a sei formazioni del Sudafrica. Il proseguire dell’emergenza Covid-19, però, ha cambiato le carte in tavola all’ultimo e il torneo si dividerà in due tronconi, uno con le formazioni europee e un altro con solo le sudafricane a sfidarsi. E domani pomeriggio, con fischio d’inizio alle 14.00, scenderà in campo la Benetton Treviso che a Monigo ospiterà i Glasgow Warriors.

La Benetton arriva da una stagione difficile, dove non ha conquistato nessun successo nel Guinness Pro 14, mentre in Challenge Cup si è tolta lo sfizio di conquistare i quarti di finale, venendo però eliminata da Montpellier. E la squadra biancoverde è in piena rivoluzione, con Kieran Crowley in uscita a fine stagione e Marco Bortolami che prenderà in mano la squadra l’anno prossimo.

La Rainbow Cup sarà un momento importante per provare a iniziare un percorso che si formalizzerà solo in estate, ma la Benetton Treviso vuole partire fin da ora a mettere in mostra quelle potenzialità che serviranno per cambiare rotta nella prossima stagione. E l’esordio casalingo contro i Glasgow Warriors è sicuramente un appuntamento importante contro una squadra che ha mostrato buone qualità durante l’anno, ma che non è un’armata invincibile.

Glasgow in stagione ha vinto 6 partite su 16, chiudendo al quarto posto nella conference A del Guinness Pro 14, ma i Warriors sono anch’essi una formazione in evoluzione che superate alcune stagioni da protagonisti negli ultimi due anni hanno faticato a emergere. Alla vigilia del match ha parlato Nacho Brex, che ha fissato obiettivi e focus dei biancoverdi.

Sicuramente il lavoro degli avanti contro Glasgow sarà un lavoro fondamentale della partita, sappiamo che i Warriors lavorano tanto sulla fisicità. I nostri avanti dovranno farci guadagnare metri, poi proveremo pure con i trequarti a fare la differenza. Come diciamo sempre, si lavora in 15, giochiamo in 15 e faremo il massimo per trovare spazi nella loro difesa le parole del centro azzurro, che ha continuato –. Se vogliamo portare a casa il risultato contro Glasgow, rispetto a Montpellier dobbiamo essere più cinici soprattutto nelle situazioni in cui entriamo nei loro 22, nelle zone di maggior pericolo per Glasgow. Dobbiamo essere più concreti e consistenti nelle cose che facciamo, non possiamo alternare alti e bassi perché affrontiamo squadre che ti fanno pagare questi errori”.

Foto: Ettore Griffoni/LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Benetton Treviso Glasgow Warriors Rainbow Cup

ultimo aggiornamento: 23-04-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Jack Miller: “Sono davvero deluso per me stesso. Abbiamo la velocità ed un buon ritmo”

Giuseppe Saronni su Fabio Aru: “Sono demoralizzato, dicevano che ero cattivo. Per 3 anni ci siamo chiesti cosa non funzionasse”