Masters 1000 Montecarlo: Fognini sfida Ruud, con all’orizzonte una possibile semifinale contro Nadal

Giornata di quarti di finale al Master 1000 di Montecarlo e tutta l’attenzione del tennis italiano è riposta su Fabio Fognini. Il ligure si è ritrovato sulla terra che due anni fa lo ha visto alzare al cielo il titolo più importante della carriera ed oggi se la vedrà contro il norvegese Casper Ruud, in un match che mette in palio un posto in semifinale probabilmente contro Rafa Nadal.

Un Fognini finora davvero eccellente quello visto a Montecarlo, con il nativo di Arma di Taggia che non ha ancora concesso un set agli avversari. Anche ieri un bel 2-0 a Krajinovic, ma oggi con Ruud servirà una partita attenta e senza i soliti passaggi a vuoto. Il norvegese è reduce da una battaglia infinita con Pablo Carreno Busta e ha già battuto Fabio nei due precedenti disputati. Domani, però, sarà uno sfida diversa e Fognini parte con i favori del pronostico.

La speranza del tennis italiano è ovviamente quella di rivedere in semifinale Fognini, magari proprio come due anni fa contro Rafael Nadal. Lo spagnolo si è dimostrato il solito schiacciasassi, dominando contro il bulgaro Grigor Dimitrov, ma adesso nei quarti lo aspetta Andrey Rublev. Un match che promette spettacolo, con il russo che può impensierire il maiorchino. Il numero sette del mondo ha sconfitto ieri Roberto Bautista Agut al termine di una sfida entusiasmante e potrebbe anche pagare queste fatiche contro un Nadal che arriva tirato a lucido.

Nella parte alta il super favorito per arrivare in finale è ovviamente Stefanos Tsitsipas. Il greco affronterà la sorpresa spagnola Alejandro Davidovich Fokina, che sogna di raggiungere la sua prima semifinale della carriera in un Masters 1000. La semifinale è anche il grande obiettivo del belga David Goffin e del britannico Daniel Evans, capace ieri di eliminare il numero uno del mondo Novak Djokovic e di regalarsi una chance che può cambiargli la carriera.

 

FOTO: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fognini-Ruud in tv: non sarà in chiaro su Supertennis

Billie Jean King Cup 2021, le azzurre prima di Italia-Romania: “Siamo pronte, c’è la tensione giusta”