F1, Lando Norris non è più una sorpresa. E che smacco per il compagno di squadra Ricciardo…

Lando Norris era atteso alla rimonta nel GP di Imola 2021 dopo aver sfiorato la pole-position durante la Q3. I limiti della pista della ‘Piratella’ avevano tradito il britannico che al termine della giornata odierna si è preso una grandissima rivincita conquistando il terzo gradino del podio.

La giovane stella della McLaren si colloca nella Top3 dopo aver inseguito per tutta la corsa l’olandese Max Verstappen, vincitore per la prima volta al Santerno davanti al britannico Lewis Hamilton (Mercedes). Quest’ultimo ha dovuto recuperare dopo un errore ed ha passato un paio di giri alle spalle di Norris prima di garantirsi il secondo posto grazie all’ausilio dell’ala mobile.

Il giovane volto della casa di Woking è una scommessa vinta da parte di Zak Brown che ha creduto in lui sin dalla FIA F2. Il talento cristallino del britannico, ex campione della FIA F3, ha raggiunto una maturità agonistica che lo inserisce tra i grandi del Mondiale nonostante la poca esperienza nella massima formula.

Con sole due stagioni sulle spalle, il numero 4 del gruppo è il riferimento della casa inglese, una realtà che si conferma la terza forza del ‘Circus’ alle spalle di Mercedes e Red Bull. La formazione ha costruito in casa un leader che sembra non sentire la pressione del più esperto Daniel Ricciardo. L’australiano, nuovo teammate di Norris, fatica a tenere il passo e dopo due competizioni alza bandiera bianca in qualifica ed in gara.

I valori possono cambiare da qui alla fine della stagione con 21 manifestazioni ancora da correre, ma Norris ha tutte le carte in regola per togliersi altre soddisfazioni da qui al final round di Abu Dhabi. La prima vittoria non è lontana, un risultato sempre più alla portata con queste ottime performance sulle piste di tutto il mondo.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Calcio, Serie A 2021: il Torino stende la Roma (3-1), Napoli ripreso dall’Inter (1-1)

Basket: Alessandro Gentile costretto a finire la stagione con l’Estudiantes, non si è ancora del tutto ripreso dal Covid-19