Beach volley, World Tour 2021 Cancun2. Windisch/Cottafava e Abbiati/Andreatta si fermano a un passo dal main draw

Saranno solo due le coppie italiane in campo da oggi nel tabellone principale del secondo torneo 4 stelle in programma a Cancun in Messico. I due binomi azzurri presenti nelle qualificazioni si sono dovuti arrendere ad un passo dall’ingresso nel main draw ed hanno chiuso entrambi con una vittoria e una sconfitta.

Windisch/Cottafava hanno battuto 2-0 al primo turno i norvegesi Rongoen/Berntsen. Emozioni nel primo set con gli azzurri costretti ad annullare due set ball e vittoriosi 25-23 e vittoriosi nel secondo parziale senza troppi problemi: 21-16. Nel secondo incontro, decisivo, per l’ingresso nel tabellone principale, la giovane coppia azzurra si è trovata di fronte gli olandesi Boermans/De Groot, al loro secondo torneo nel World Tour e capaci di eliminare al primo turno i russi Liamin/Myskiv. Primo set vietato ai deboli di cuore con un pizzico di sfortuna nel finale per gli azzurri che si sono arresi con il punteggio di 26-24. Nel secondo set netto il dominio (21-13) degli italiani, che poi sono crollati sotto i colpi della coppia olandese che si è imposta 15-6 nel tie break festeggiando il primo main draw in carriera.

Abbiati/Andreatta hanno compiuto una piccola impresa nel primo incontro battendo 2-0 (22-20, 21-16) la coppia svizzera Metral/Haussener che, in virtù anche del secondo posto nel torneo 1 stella di Doha, partiva con i favori del pronostico. Nella partita decisiva per l’accesso al tabellone principale Abbiati e Andreatta si sono trovati di fronte gli esperti canadesi Pedlow/Schachter ed hanno resistito sui loro ritmo nel primo set, perso 21-17, mentre nel secondo fin dalle prime battute i nordamericani hanno preso il largo, vincendo 21.14.

Oggi al via le sfide del main draw con in campo Lupo/Nicolai e Rossi/Carambula. Lupo/Nicolai affronteranno nella semifinale del girone gli statunitensi Tri Bourne/Trevor Crabb in una sfida tutt’altro che semplice. Gli statunitensi sono stati quarti al Mondiale di Amburgo (dove gli azzurri furono quinti), noni la scorsa settimana a Cancun e l’ultimo podio lo hanno conquistato a Chetumal, sempre in Messico, a novembre 2019. Non ci sono precedenti fra le due coppie. Nell’altro incontro del girone si affrontano la coppia statunitense formata da Gibb e Taylor Crabb, fratello di Trevor, e i polacchi Rudol/Szalankewicz.

Deja vu, invece, per Adrian Carambula ed Enrico Rossi, ancora a caccia di preziosi punti in chiave qualificazione olimpica: la coppia italiana affronta nella semifinale del girone gli svizzeri Breer/Krattiger contro cui aveva ottenuto un prezioso successo sette giorni fa negli ottavi di finale. Nell’altra sfida del girone di fronte i finalisti del primo torneo di Cancun Cherif/Ahmed (che nei quarti avevano battuto proprio Rossi/Carambula) e i canadesi Pedlow/O’Gorman che una settimana fa erano stati eliminati da Windisch/Cottafava. Da segnalare l’ingresso nel tabellone principale dei giovani “predestinati” svedesi Ahman/Hellvig che hanno sconfitto nientemeno che i quarti classificati di una settimana fa, gli austriaci Ermacora/Pristauz con una disarmante facilità. 

Primo turno qualificazioni maschili: Bourne/Crabb (USA)-Faiga/Ohana (ISR) 2-1 (21-14, 18-21, 15-12), Pedro Solberg/Arthur (BRA)-Mol/Solhaug (NOR) 2-0 (21-19, 21-17), Krattiger/Breer (SUI)-Blanco/Garcia (GUA) 2-0 (21-14, 22-20), Kruk/Miszczuk (POL)-Nõlvak/Tiisaar (EST) 0-2 (15-21, 15-21), Pedlow/Schachter (CAN)-Brinck/Thomsen (DEN) 2-0 (21-15, 21-12), Abbiati/Andreatta (ITA)-Métral/Haussener (SUI) 2-0 (22-20, 21-16), Kolinske/Evans (USA)-Rudol/Szalankiewicz (POL) 0-2 (15-21, 19-21), Kuvichka/Kislytsyn (RUS)-Grimalt/Grimalt (CHI) 2-1 (18-21, 21-16, 15-10), Myskiv/Liamin (RUS)-Boermans/de Groot (NED) 0-2 (11-21, 13-21), Ringøen/Berntsen (NOR)-Windisch/Cottafava (ITA) 0-2 (23-25, 15-21), Azaad/Capogrosso (ARG)-Stephens/Sarabia (MEX) 2-0 (21-13, 21-11), Mora/Lopez (NCA)-Kantor/Losiak (POL) 0-2 (7-21, 11-21), Aye/Gauthier-Rat (FRA)-O’Dea/O’Dea (NZL) 2-1 (17-21, 21-15, 15-11), Plantinga/Nusbaum (CAN)-Seidl/Waller (AUT) 1-2 (19-21, 21-13, 12-15), Bouter/Penninga (NED)-Åhman/Hellvig (SWE) 1-2 (19-21, 21-16, 13-15), Bello/Bello (ENG)-Ermacora/Pristauz (AUT) 1-2 (13-21, 21-12, 14-16).

Secondo turno qualificazioni uomini: Bourne/Crabb (USA)-Pedro Solberg/Arthur (BRA) 2-0 (22-20, 21-18), Krattiger/Breer (SUI)-Nõlvak/Tiisaar (EST) 2-0 (21-13, 21-18), Pedlow/Schachter (CAN)-Abbiati/Andreatta (ITA) 2-0 (21-17, 21-14), Rudol/Szalankiewicz (POL)-Kuvichka/Kislytsyn (RUS) 2-1 (18-21, 21-15, 15-7), Boermans/de Groot (NED)-Windisch/Cottafava (ITA) 2-1 (26-24, 13-21, 15-6), Azaad/Capogrosso (ARG)-Kantor/Losiak (POL) 1-2 (13-21, 21-19, 11-15), Aye/Gauthier-Rat (FRA)-Seidl/Waller (AUT) 0-2 (23-25, 14-21), Åhman/Hellvig (SWE)-Ermacora/Pristauz (AUT) 2-0 (21-15, 21-17).

Semifinali gironi uomini. Pool A: Mol/Sørum (NOR)-Cardenas/Espinoza (MEX), Varenhorst/van de Velde (NED)-Semenov/Leshukov (RUS). Pool B: Krasilnikov/Stoyanovskiy (RUS)-Boermans/de Groot (NED), Ehlers/Flüggen (GER)-Samoilovs/Smedins (LAT). Pool C: Gibb/Crabb (USA)-Rudol/Szalankiewicz (POL), Nicolai/Lupo (ITA)-Bourne/Crabb (USA). Pool D: Alison/Álvaro Filho (BRA)-Åhman/Hellvig (SWE), Brouwer/Meeuwsen (NED)-George/Andre (BRA). Pool E: Fijalek/Bryl (POL)-Ontiveros/Virgen (MEX), Herrera/Gavira (ESP)-Heidrich/Gerson (SUI). Pool F: Perusic/Schweiner (CZE)-Seidl/Waller (AUT), Lucena/Dalhausser (USA)-Thole/Harms (GER). Pool G: Carambula/Rossi (ITA)-Krattiger/Breer (SUI), Cherif/Ahmed (QAT)-Pedlow/Schachter (CAN). Pool H: Gaxiola/Rubio (MEX)-Kantor/Losiak (POL), Evandro/Bruno Schmidt (BRA)-Saxton/O’Gorman (CAN).

Primo turno qualificazioni donne: Barbara/Carol (BRA)-Bye, Caluori/Lutz (SUI)-Helland-Hansen/Lunde (NOR) 0-2 (13-21, 14-21), Parkkinen/Ahtiainen (FIN)-Andrea/Gorda (COL) 0-2 (0-21, 0-21), Dumbauskaite/Grudzinskaite (LTU)-Lidy/Sanchez (CUB) 0-2 (19-21, 13-21), Arvaniti/Karagkouni (GRE)-Cruz/Cortes (MEX) 2-0 (21-8, 21-12), Schoon/Stam (NED)-Leila/Maylen (CUB) 2-0 (21-12, 21-19), Gordon/Marcelle (CAN)-Böbner/Vergé-Dépré (SUI) 0-2 (8-21, 15-21), Albarran/Gutierrez (MEX)-Dabizha/Rudykh (RUS) 0-2 (28-30, 9-21), Bieneck/Schneider (GER)-Bye, Klinger/Klinger (AUT)-Vieira/Chamereau (FRA) 0-2 (20-22, 12-21), Placette/Richard (FRA)-Dave/Starikov (ISR) 2-0 (21-16, 25-23), Hjortland/Olimstad (NOR)-van Iersel/Ypma (NED) 2-1 (19-21, 21-11, 15-10), Kubickova/Kvapilova (CZE)-van Driel/van Driel (NED) 0-2 (16-21, 16-21), Sakurako/Suzuki (JPN)-Bocharova/Ganenko (RUS) 0-2 (12-21, 13-21), Ishitsubo/Shiba (JPN)-Bethancourt/Giron (GUA) 2-0 (21-7, 21-19), Bye-Claes/Sponcil (USA).

Secondo turno qualificazioni donne: Barbara/Carol (BRA)-Helland-Hansen/Lunde (NOR) 2-1 (21-12, 18-21, 15-13), Andrea/Gorda (COL)-Lidy/Sanchez (CUB) 0-2 (12-21, 19-21), Arvaniti/Karagkouni (GRE)-Schoon/Stam (NED) 0-2 (21-23, 19-21), Böbner/Vergé-Dépré (SUI)-Dabizha/Rudykh (RUS) 2-0 (21-18, 21-15), Bieneck/Schneider (GER)-Vieira/Chamereau (FRA) 2-1 (19-21, 21-18, 15-13), Placette/Richard (FRA)-Hjortland/Olimstad (NOR) 2-09 (21-17, 21-18), van Driel/van Driel (NED)-Bocharova/Ganenko (RUS) 2-1 (21-16, 17-21, 18-16), Ishitsubo/Shiba (JPN)-Claes/Sponcil (USA) 0-2 (10-21, 9-21).

Semifinali gironi femminili: Pool A: Agatha/Duda (BRA)-Quintero/Torres (MEX), Hermannova/Slukova (CZE)-Borger/Sude (GER). Pool B: Pavan/Melissa (CAN)-van Driel/van Driel (NED), Sweat/Walsh Jennings (USA)-Bansley/Brandie (CAN). Pool C: Clancy/Artacho Del Solar (AUS)-Schoon/Stam (NED), Stockman/Kolinske (USA)-Claes/Sponcil (USA). Pool D: Alix/April (USA)-Böbner/Vergé-Dépré (SUI), Kravcenoka/Graudina (LAT)-Laboureur/Tillmann (GER). Pool E: Talita/Taiana Lima (BRA)-Placette/Richard (FRA), Barbara/Carol (BRA)-Keizer/Meppelink (NED). Pool F: Makroguzova/Kholomina (RUS)-Lidy/Sanchez (CUB), Ana Patrícia/Rebecca (BRA)-Gallay/Pereyra (ARG). Pool G: Kozuch/Ludwig (GER)-Ishii/Murakami (JPN), Hüberli/Betschart (SUI)-Wojtasik/Kociolek (POL). Pool H: Revuelta/Orellana (MEX)-Schützenhöfer/Plesiutschnig (AUT), Wang/Xia (CHN)-Bieneck/Schneider (GER).

Foto Fivb

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Italia-Irlanda rugby femminile, Finale 3°-4° posto Sei Nazioni: programma, orario, tv, streaming

SailGP, regate di flotta con i catamarani F50! Niente match-race come in America’s Cup