Amstel Gold Race 2021: Marianne Vos trionfa nella classica di casa. Quinta Paladin, ottava Longo Borghini

Marianne Vos (Jumbo-Visma), dopo la Gand-Wevelgem, in questo 2021, aggiunge al suo palmares anche l‘Amstel Gold Race. La fuoriclasse neerlandese, con uno sprint regale, ha vinto la grande classica di casa, la quale, fino a pochi minuti fa, era una delle poche gare a non avere il nome della Cannibale nel suo albo d’oro. Il podio è stato tutto orange dato che al secondo posto si è piazzata Demi Vollering (SD Worx) e al terzo Annemiek van Vleuten (Movistar). Per quanto concerne le azzurre, Soraya Paladin (Liv) è giunta quinta ed Elisa Longo Borghini (Trek-Segafredo) ottava.

La gara si è accesa quando il gruppo si è spazzato in due tronconi e la campionessa del Mondo Anna van der Breggen (SD Worx) è rimasta dietro, al contrario di tutte le altre favorite. Ai -30, circa, si è mossa l’australiana Grace Brown (BikeExchange) con la neerlandese Pauliena Rooijakkers (Liv). A 14 chilometri dall’arrivo, Brown ha staccato una stremata Rooijakkers e ha proseguito da sola. Pauliena, invece, è stata rapidamente riassorbita dal gruppo.

Grace Brown, per merito, soprattutto, del grande lavoro di Lucinda Brand (Trek-Segafredo) è stata ripresa a 3 chilometri dalla fine, quando le atlete hanno iniziato il Cauberg. Sul Cauberg è partita la campionessa d’Europa Annemiek van Vleuten, al cui scatto hanno risposto, per prime, la polacca Kasia Niewiadoma (Canyon/Sram) e Marianne Vos. Niewiadoma ha rilanciato l’azione e si è scrollata di dosso le altre due, ma su di lei è tornata una scatenata Elisa Longo Borghini.

L’azzurra ha provato a staccare la rivale appena scollinato il Cauberg, ma Niewiadoma, a fatica, ha chiuso sul tentativo di Elisa. Le due, in seguito, non hanno trovato l’accordo necessario per proseguire insieme e a quattrocento metri dall’arrivo sono state inghiottite dalle inseguitrici. Si è così andati verso una volata ristretta che Marianne Vos è riuscita a vincere in modo netto, nonostante un piccolo brivido finale dovuto alla rimonta di Demi Vollering.

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto2, risultato warm up GP Portogallo 2021: Remy Gardner il migliore, Marco Bezzecchi 5°

Tokyo 2020, il premier Yoshihide Suga sottolinea: “Vogliamo organizzare Giochi sicuri”