Trofeo Laigueglia 2021, il percorso ai raggi X. Colla Micheri e Capo Mele decideranno la corsa

Tutto pronto per la 58esima edizione del Trofeo Laigueglia. La piccola classica ligure, che quest’anno ha attratto l’attenzione di uomini come Vincenzo Nibali, il vincitore uscente Giulio Ciccone, Egan Bernal, Mikel Landa, Nairo Quintana, Thibaut Pinot, Davide Ballerini e tanti altri big, andrà in scena mercoledì 3 marzo, rispettando il solito percorso delle scorse edizioni. Il tutto in 203 chilometri con partenza e arrivo a Laigueglia, dove le ascese di Colla Micheri e Capo Mele decideranno le sorti della corsa.

ALTIMETRIA

PERCORSO

Dopo la partenza da Laigueglia il gruppo transiterà per Alassio, Albenga, Ceriale, prima di affrontare il GPM di Cima Paravenna. Passato lo scollinamento, si tornerà verso Laigueglia deviando in direzione dell’ascesa del Testico. Una volta rientrati in Via Roma, dov’è piazzata la linea del traguardo, inizierà il circuito conclusivo che presenta i GPM di Colla Micheri e Capo Mele, che verranno affrontati quattro volte fino a 3 chilometri dalla conclusione. Questi ultimi sono strappi brevi di circa 2 chilometri con pendenze che sfiorano la doppia cifra. Dopo l’ultimo scollinamento inizierà la rincorsa verso la linea d’arrivo prima sul lungomare di Laigueglia, e poi, negli ultimi 400 metri, nell’entroterra di Via Roma.

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Trofeo Laigueglia 2021

ultimo aggiornamento: 01-03-2021


Lascia un commento

Snowboard, sesta medaglia per Roland Fischnaller ai Mondiali a 40 anni!

America’s Cup, Pietro Sibello: “New Zealand punta sulla velocità pura. E i foil a T…”