Salto con gli sci femminile: a Chaikovsky la gara a squadre è dell’Austria su Slovenia e Germania

Va all’Austria la gara a squadre, disputata su serie secca, sul trampolino normale di Chaikovsky, l’ultima della stagione in tema di Coppa del Mondo di salto con gli sci femminile. Il team event, programmato per ieri pomeriggio, è stato rinviato a questa mattina (presto sia in Italia che in Russia) a causa del forte vento. Per Daniela Iraschko-Stolz, Sophie Sorschag, Chiara Hoelzl e Marita Kramer prova solida nel complesso con il punteggio di 373.7, con il picco dei 112 di Kramer, che pure non è la migliore della sua serie (al contrario di Sorschag con i suoi 84.1).

Va detto che anche questa gara è stata disturbata dal vento, con continui innalzamenti e abbassamenti di stanga dalla 16 alla 18, ancora alla 19 e poi alla 15 per finire alla 14 (solo Rupprecht e Kramer).

Seconda posizione, a quota 348.5, per la Slovenia (Spela Rogelj, Katra Komar, Ursa Bogataj, Nika Kriznar), cui non basta il picco da 101 metri e 114.7 punti di Kriznar per agganciare le austriache. Completa il podio la Germania (Katharina Althaus, Juliane Seyfarth, Luisa Goerlich, Anna Rupprecht), con quattro prestazioni che si discostano, più che per la distanza, per come vanno a concludersi.

Rimane giù dal podio la Norvegia (Thea Minyan Bjoerseth, Frida Berger, Anna Odine Stroem, Silje Opseth), quarta a 324.5, ma non vanno demonizzati i 50 punti di Berger con il suo salto da 75.5 metri: parliamo di una classe 2004, con tutto quel che ne consegue. Quinta la Russia (Kristina Prokopieva, Irma Makhinia, Sofia Tikhonova, Irina Avvakumova) a 293.9.

Chi può dirsi beffato è il Giappone (Nozomi Maruyama, Yuka Seto, Yuki Ito, Sara Takanashi) che chiude sesto a 292.6 solo perché Seto si fa squalificare per tuta irregolare: sarebbe stato podio certo, viste le performance di Maruyama e Ito a livello individuale (99.9 e 91.8 punti rispettivamente, migliori salti delle loro rotazioni).

Completano la classifica la Repubblica Ceca (Klara Ulrichova, Stepanka Ptackova, Veronika Jencova, Karolina Indrackova) a 223.5, il Canada (Natalie Eliers, Nicole Maurer, Alexandria Loutitt, Abigail Strate) a 174.5 e gli Stati Uniti (Anna Hoffmann, Logan Sankey, Nina Lussi, Annika Belshaw) con 128.1 e tuta irregolare di Lussi.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Masters 1000 Miami, risultati 27 marzo: avanzano Tsitsipas, Rublev e Karatsev. Bene Musetti e Sonego, out Fognini

NBA 2021: Zion Williamson stende Dallas, i Clippers vincono il big match coi 76ers