LIVE Atletica, Europei 2021 in DIRETTA: bronzo per Dal Molin nei 60 ostacoli! Quarto posto e record italiano per la 4×400 donne

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

19.25: Grazie per averci seguito, appuntamento alle prossime gare di atletica leggera. Buona serata

19.24: Un pizzico di delusione per l’Europeo dell’Italia da cui si poteva attendere qualcosa in più comunque si sono viste alcune buone prestazioni e altre meno. Resta un bilancio al di sotto delle aspettative da sufficienza risicata, soprattutto grazie al sesto posto nei piazzamenti. Cresce il livello medio, non benissimole punte

19.20: Tre errori per Mahuchikh a 2.07, si chiude qui l’Europeo.

19.19: Si chiude con un bel risultato cronometrico ma senza altre medaglie l’Europeo dell’Italia che dunque resta con i tre podi: l’oro di Jacobs, l’argento di Tamberi e il bronzo di Dal Molin, che significa 12mo posto nel medagliere

19.18: Benissimo il finale di Coiro che chiude al quarto posto alle spalle della Polonia. Vince l’Olanda con 3’27″15, secondo posto per la Gbr con 3’28″20, terzo posto per la Polonia con 3’29″94, quarto posto per l’Italia che fa il record italiano con 3’30″32

19.17: All’ultimo cambio Italia ultima, Gbr davanti

19.16: Italia penultima ma staccata Polonia in testa

19.15: Italia ultima al primo cambio, davanti Olanda

19.15: partita la 4×400 femminile

19.13: primo errore a 2.07 per Mahuchikh

19.12: Duplantis sbaglia anche il terzo tentativo a 6.19 e deve rimoandare il record del mondo

19.11: E’ oro per la ucraina Mahuchikh con 2 metri, argento per Herashchenko, ancora Ucraina, con 1.98, bronzo per la finlandese Junnila con 1.96

19.10: Fra poco la staffetta 4×400 femminile: ci sono al via Borga, Mangione, Marchiando e Coiro per l’Italia che se la vedrà con Ucraina, Polonia, Germania, Gbr e la fortissima Olanda

19.08: Mahuchikh al primo tentativo piazza i 2 metri che potrebbero significare l’oro. Due errori per Herashchenko

19.07: Sarà doppietta ucraina nell’alto donne. Herashchenko e Mahuchikh hanno superato al primo tentativo 1.98 e si giocano l’oro. Il bronzo sarà per la finlandese Junnila che sbaglia tre volte

19.06: Vince l’Olanda come da pronostico con 3’06″06, seconda piazza per la Repubblica ceca con 3’06″54, terzo posto per Gran Bretagna con 3’06″70. Italia ultima con 3’07″37

19.05: Deludente quinto posto per l’Italia, che paga duramente una frazione inguardabile di Grant con tanto di cambio pessimo. Aceti ce l’ha messa tutta per rientrare ma non è riuscito ad evitare l’ultimo posto

19.04: Italia quarta al cambio. Durissima

19.03: Male Grant, Italia ultima

19.02: In difficoltà Grant contro Bonevacja e Maslak

19.02: Italia seconda al primo cambio

19.01: Partita la staffetta 4×400

19.00: Un errore per Junnila

19.00: Herashchenko non sbaglia più! 1.98, personal best e primo posto provvisorio

18.58: Levchenko viene eliminata e sarà quarta! Sorpresa dunque con una medaglia inattesa per Junnila ma anche per Herashchenko

18.57: Due errori per Levchenko a 1.96, che sorpresa. Passa Mahuchikh

18.55: Tra poco il via della 4×400 maschile. Italia con Scotti, Grant, Lopez, Aceti. Al via Belgio, Gbr, Olanda e Repubblica ceca. Non c’è la Polonia per un caso di positività

18.54: Herashchenko ci ha preso gusto e supera 1.96 al primo tentativo, così come Junnila che migliora il primato nazionale finlandese. Erano quasi fuori

18.53: Duplantis piazza l’asta a 6.19, che sarebbe record del mondo

18.52: Si infiamma l’alto donne con l’1.94 superato al terzo tentativo. Fuori anche Stanciu, quinta, e Vukcevic, settima. Sesto posto per Trost

18.51: Dulantis supera 6.05 nell’asta ed è record dei campionati

18.50: Herashchenko completa la tripletta ucraina e supera 1.94 al terzo tentativo

18.49: Noooooooooooooo!!! Di pochissimo Alessia Trost non riesce a superare 1.94 ma di pochissimo. L’ultimo tentativo è stato il migliore per l’azzurra che non sarà sul podio

18.48: Che vittoria e che tempo per la svizzera Del Ponte che domina i 60 con 7″03, secondo posto per la finalndese Kemppinen con 7″22, terza piazza per l’olandese Samuel sempre con 7″22

18.46: Al via i 60 metri donne

18.46: Stanciu e Vukevic sbagliano il secondo tentativo

18.46: Secondo errore anche per Junnila a 1.94

18.45: Secondo errore per l’ucraina Herashchenko a 1.94

18.44: Primo errore di Duplantis a 6.05

18.44: Levchenko supera 1.94 al primo tentativo, secondo errore per Alessia Trost

18.41: Al via nei 60 piani: Samuel (Ned), Payton (Swe), Zahi (Fra), del Ponte (Sui), Kemppinen (Fin), Mihalinec Zidar (Slo), Montag (Ger), Ombissa-Ozangue (Fra)

18.41: errori a 1.94 anche per Vukovic e Stanciu

18.40: Nell’asta oro al recordman mondiale Duplantis, argento per il francese Lavillenie

18.39: Mahuchikh supera 1.94 senza problemi al primo tentativo

18.38: Junnila e Herashchenko sbagliano a 1.94

18.38: Bronzo per il polacco Lisek che commette tre errori a 5.85

18.34: Fatto il podio del triplo: vince Mamona con 14.53, seconda piazza per la spagnola Peleteiro grazie alla seconda miglior misura (14.34) che ha saltato 14.52 come la tedesca Eckhardt che è terza per la seconda peggior misura (14.18)

18.34: Errore alla prima prova a 1.94 per Trost

18.33: Vukovic supera 1.92 ancora al terzo tentativo. Si sale a 1.94 con sette atlete in gara

18.32: La spagnola Peleteiro con 14.52 va a prendersi il secondo posto con 14.52 ed è seconda per la migliore seconda misura

18.31: Un errore per Lavillenie a 5.85, due errori per Lisek

18.30: Manca l’ultima rotazione

18.30: Herashchenko supera 1.92 al terzo tentativo

18.28: Doppietta polacca ma non c’è Kszczot sul podio: Dobek con il personal best, 1’46″90, seconda piazza per Borkowski con 1’46″90 e terzo posto per Webb in 1’46″95

18.27: Alessia Trost c’è! Superati 1.92 al secondo tentativo!

18.26: Levchenko supera 1.92. passa Mahuchikh

18.25: Tutto facile per Duplantis che supera 5.85 al primo tentativo

18.24: Tra poco al via gli 800 uomini con Bosse (Fra), Dobek (Pol), Tuka (Bih), Borkowski (Pol), Webb (Gbr), Kszczot (Pol)

18.23: Stanciu supera 1.92 al primo tentativo

18.22: Junnila è la prima a superare 1.92

18.21: Lisek si prende il podio, supera al terzo tentativo 5.80. Quindi le medaglie saranno per Lisek, Duplantis e Lavillenie, i tre favoriti della vigilia

18.20: Fuori anche Zernikel nell’asta

18.20: Primo errore per Trost a 1.92

18.19: Vukovic si salva e supera 1.89 al terzo tentativo, fuori la britannica Borthwick

18.17: Oro alla Gran Bretagna con la vittoria di Hodgkinson che, con 2’03″88 resiste al ritorno delle polacche: argento per Jozwi9k in 2’04″00, bronzo per Chichocka in 2’04″15

18.16: Fuori Sasma e Vloon nell’asta a 5.80

18.15: Partiti gli 800 donne

18.13: Sempre Mamona, Eckhardt, Skhvartsova nel triplo quando inizia l’ultima rotazione

18.12: All’asta Lisek, Zernikel, Sasma, Vloon hanno sbagliato 2 tentativi a 5.80. Siamo già alla lotta per le medaglie

18.11: Herashchenko, Junnila, Mahuchikh, Stanciu superano come Trost 1.89 al primo tentativo, Borthwick sbaglia

18.08: Al via tra poco negli 800 donne Baker (Gbr), Boffey (Gbr), Cichoka (Pol), Hoffmann (Sui), Hodgkinson (Gbr), Jozwik (Pol)

18.06: Dopo aver sfiorato l’eliminazione, Lavillenie supera 5.80 al primo tentativo e raggiunge Duplantis in zona podio. Un errore per tutti gli altri atleti in gara

18.05: Non un gran salto per Alessia Trost che supera con un po’ di fortuna al primo tentativo 1.89

18.04: Borthwick supera 1.85 al terzo tentativo e tutte le atlete in gara raggiungono la misura di 1,89

18.01: Se ne va il norvegese Ingebrigtsen e va a prendersi il secondo oro dell’Europeo con il tempo di 7’48″20. Secondo posto per il belga Kimeli con 7’49″41, terza piazza per lo spagnolo Mechaal con 7’49″47

18.01: Ultimo giro con quattro avanti nei 3000

18.00: Duplantis supera 5.80 al primo tentativo, un errore per Sasma e Vloon

17.59: Un errore solo per Borthwick a 1.85, le altre lo superano al primo tentativo

17.58: Ritmo che si alza nei 3000 piani

17.57: Gran salto della tedesca Eckhardt che si porta al secondo posto con 14.52 nel triplo a un centimetro da Mamona. Skvartsova è terza con 14.35

17.57: Herashchenko e Junnila superano 1.85 al primo tentativo

17.56: Lavillenie resta in gara: 5.70 al terzo tentativo

17.55: Supera con margine anche gli 1.85 Alessia Trost

17.54: Nel triplo Mamona vola a 14.53 ed è nettamente in testa, seconda Papahristou, terza Makela

17.53: Partiti i 3000

17.53: Superato da tutte le atlete l’1.80 al primo tentativo

17.51: Lisek e Zernikel superano 5.70 al primo tentativo, passa Duplantis, Sasma e Vloon superano 5.70 al secondo tentativo, un errore per Vloon e Lavillenie

17.48: Trost supera 1.80 al primo tentativo

17.45: Al via i 3000 piani uomini con Rowe (Gbr), Tobin (Irl), Gressier (Fra), Hendrix (Bel), Nordas (Nor), Katir (Esp), Hay (Fra), Butchart (Gbr), Kimeli (Bel), J. Ingebrigtsen (Nor), Mechaal (Bel), Fehr (Ger)

17.44: c’è Alessia Trost pronta sulla pedana dell’alto. Assieme a lei in finale Heraschchenko (Ukr), Iunnila (Fin), Stanciu (Rou), Mahuchik (Ukr), Borthwick (Gbr), Bukovic (Mne), Levchenko (Ukr)

17.43: Sobera si tiene un tentativo per i 5.70 e lo sbaglia. Un errore anche per Sasma a 5.70

17.40: Nell’asta Duplantis, Zernikel, Sasma e Lavillenie superano i 5.60, passano Lisek e Vloon, due errori per Sobera

17.38: Dester chiude al sesto posto i 1000 dominati dall’olandese Taam. Mayer chiude settimo e vince l’oro. Attendiamo per l’ufficialità dei risultati. Argento dovrebbe essere lo spagnolo Urena, bronzo il polacco Wiesiolek

17.36: Si migliorano le prime della classe nel triplo: Mamona raggiunge 14.38, Papahristou, seconda, sale a 14.31, terza Makela con 14.23

17.30: Entra in scena Duplantis e supera 5.60 alla prima prova come Sasma. Errore per Sobera

17.29: Nel triplo Mamona in testa con 14.35, seconda Papahristou con 14.27, terza Makela con 14.23

17.27: Tra pochi minuti il via dei 1000 metri che chiudono l’Eptathlon. In testa c’è il francese Mayer, poi lo spagnolo Urena e il polacco Wiesiolek. Dester è settimo al momento

17.24: Nell’asta 5.50 superati da Lisek, Sobera, Vloon, Zernikel, Lavillenie. Passano Duplantis e Sasma. Eliminato Lita Baehre

17.20: Al via il triplo donne con Salminen (Fin), Papahristou (Gre), Skvartsova (Blr), Mamona (Por), Makela (Fin), Peleteiro (Por), Filipic (Slo), Eckhardt (Ger)

17.19: Si sta controllando il fotofinish per assegnare le posizioni dalla quinta in poi. Nel frattempo miglior prestazione mondiale stagionale per l’olandese Vissera che vince in 7″77. Doppietta britannica sul podio: Sember è seconda con 7″89, Porter è terza con 7″92, Neziri quarta con 7″93

17.18: Niente medaglia per Luminosa Bogliolo. Si impone la olandese Visser con un grande tempo

17.16: Sobera, , Sasma, Vloon e Zernikel superano i 5.30

17.15: Atlete ai blocchi

17.11: Tra pochi minuti il via dei 60 ostacoli donne con Luminosa Bogliolo. Al via Kozak (Hun), Sedney (Ned), Neziri (Fin), Skrzyszowska (Pol), Visser (Ned), Sember (Gbr), Porter (Gbr)

17.05: Inizia ora la gara dell’asta maschile con al via Sasma (Tur), Sobera (Pol), Vloon (Ned), Zernikel (Ger), Duplantis (Swe), Lavillenie (Fra), Lisek (Pol), Lita Baehre (Ger)

17.02: che partenza per l’Italia nell’ultimo pomeriggio di gare. Gran gara di Dal Molin che, pur senza far segnare il miglior tempo stagionale, è riuscito a tenersi alle spalle un lotto di avversari molto agguerrito. L’oro va al francese Belocian con 7″42, seconda piazza per il britannico Pozzi con 7″43, terzo posto per Dal Molin con 7″56, ultimo posto per l’altro italiano al via Koua, che chiude in 7″76 senza migliorarsi

17.01: E’ BRONZOOOOOOOOOOOOOO ITALIAAAAAAAAAAAAA!!! Dal Molin chiude al terzo posto alle spalle di Belocian, oro, e Pozzi, argento

16.59: Atleti ai blocchi di partenza

16.56: Al via nella finale dei 60 ostacoli Smet (Ned), Koua (Ita), Manga (Fra), Czykier (Pol), Belocian 8Fra), Pozzi (Gbr), Dal Molin (Ita), Martinez (Esp)

16.52: A caccia di medaglie per l’Italia anche le due staffette 4×400 che chiuderanno il programma di gare

16.48: Alessia Trost cercherà di essere protagonista nella finale dell’alto donne

16.46: C’è Luminosa Bogliolo nella finale dei 60 ostacoli donne

16.43: Ci sono due italiani, Dal Molin e Koua nella prima finale del pomeriggio, i 60 ostacoli maschili

16.40: Buon pomeriggio e bentornati agli amici di OA Sport per la diretta live dell’ultima sessione pomeridiana dell’Europeo di atletica indoor in programma a Torun in Polonia

LA CRONACA DELL’ARGENTO DI TAMBERI CON 2,35

IL MEDAGLIERE DEGLI EUROPEI DI ATLETICA

13.50 Con questa grande soddisfazione cala il sipario sulla sessione mattutina di gare di questi Europei di atletica indoor 2021. Appuntamento alle 17.00 per le finali! L’Italia ripone ambizioni da podio nei 60 ostacoli e, soprattutto, con le staffette 4×400.

13.49 Luminosa Bogliolo si è qualificata in finale con il settimo crono d’ingresso: servirà un’impresa per la medaglia.

13.48 LUMIONOSA BOGLIOLO SECONDA NELLA SUA SEMIFINALE! PRIMATO PERSONALE CON UNO SPLENDIDO 7.99 E FINALE CONQUISTATA! Prima posizione per la polacca Pia Skrzyszowska che stacca il primato personale (7.88).

13.44 Nell’ultima semifinale dei 60 metri ad ostacoli che chiude la sessione mattutina di gare, è presente l’azzurra Luminosa Bogliolo.

13.42 Nadine Visser, senza forzare più di tanto, si prende la prima posizione e la qualificazione per la finale (7.86). Seconda posizione per la britannica Cynthia Sember.

13.37 A breve la seconda semifinale dei 60 metri ad ostacoli femminili. Fari puntati sull’olandese Nadine Visser che ha il miglior crono stagionale (7.81).

13.35 Proprio Neziri è prima con un 7.97, seconda la britannica Porter (7.98). Di Lazzaro giunge sesta (8.12) con il primato personale.

13.33 Falsa partenza: ammonite la finlandese Neziri e la polacca Koleczek.

13.28 Nella prima semifinale dei 60 metri a ostacoli femminili ci sarà l’italiana Elisa Maria Di Lazzaro.

13.26 Nedasekau non riesce ad arrivare ai 2.40, ma per lui è medaglia d’oro! Splendido l’abbraccio con Tamberi che sottolinea il grande fair play all’interno della famiglia del salto in alto.

13.23 Paolo Dal Molin ha preso un ostacolo perdendo un po’ di slancio, ma nonostante ciò è secondo ed è finale (7.64). Primo il polacco Czykier (7.59). Gli italiani in finale saranno due: viene ripescato anche Koua!

13.21 Nell’ultima semifinale dei 60 metri a ostacoli maschili sarà impegnato il nostro Paolo Dal Molin. L’ambizione in questa rassegna continentale per l’azzurro è quella di prendersi una medaglia.

13.20 Nedasekau non riesce ancora una volta ad issarsi fino ai 2.40.

13.19 Tamberi è visibilmente deluso dopo questo argento. Questo testimonia la mentalità vincente dell’azzurro che proverà a rifarsi in altri appuntamenti.

13.17 Nedasekau prova ad arrivare anche ai 2.40: il primo tentativo non va a buon fine.

13.15 Il francese Belocian è primo con il crono di 7.49, secondo lo spagnolo Martinez con un 7.67. Fofana è sesto con il miglior tempo personale della stagione: 7.75. Rimane tra i due ripescati il nostro Koua.

13.13 Nella seconda semifinale dei 60 metri a ostacoli vedremo all’opera l’azzurro Hassane Fofana.

13.12 PER UN SOFFIO GIANMARCO TAMBERI NON RIESCE A SUPERARE I 2.37! Con un numero incredibile Nedasekau si prende la medaglia d’oro, argento beffardo per Gianmarco Tamberi, che scoppia a piangere.

13.11 Ultimo tentativo ai 2.37 per Gianmarco Tamberi che chiede tutta la carica dei compagni di squadra.

13.09 Buona gara per Franck Koua che giunge terzo con il crono di 7.70, primato personale. Prima posizione per il britannico Andy Pozzi (7.53).

13.06 Sta per partire la prima semifinale dei 60 metri ad ostacoli maschili. Presente l’italiano Franck Brice Koua.

13.05 PECCATO PER TAMBERI! Era ad un passo dal farcela Gimbo, ma non è riuscito a piazzare i 2.37. Il marchigiano aveva valicato l’asticella, ma poi l’ha colpita con il polpaccio. Adesso il capitano azzurro deve tenersi due tentativi per i 2.39.

13.03 CLAMOROSO!!! NEDASEKAU PIAZZA IL PRIMATO PERSONALE E LA MIGLIOR PRESTAZIONE MONDIALE STAGIONALE E VA SU FINO AI 2.37!

13.02 In corso la premiazione del salto triplo maschile con l’inno portoghese che risuona nell’Arena Torun.

12.59 VA SU GIANMARCO TAMBERI! Miglior prestazione mondiale stagionale a 2.35. Adesso l’azzurro vola ai 2.37 e Nedasekau è costretto a tenersi l’ultimo tentativo per questa misura.

12.58 Non va il primo tentativo per Tamberi ai 2.35, male Nedasekau nella seconda serie.

12.57 Grande Vittoria Fontana! Quarta posizione con il crono di 7.28 che vale il primato personale. In finale la finlandese Lotta Kemppinen (7.24) e la francese Ombissa-Dzangue (7.26). Fontana rimane fuori dalla finale per appena un centesimo.

12.55 Nell’ultima semifinale dei 60 metri femminili è presente anche l’azzurra Vittoria Fontana.

12.54 Sbaglia Nedasekau al primo tentativo dei 2.35. Tocca ancora a Gianmarco Tamberi.

12.53 Tamberi aveva però sbagliato il primo tentativo ai 2.33, di conseguenza adesso è secondo.

12.52 VA SU GIANMARCO TAMBERI! L’azzurro fa la misura anche ai 2.33 e prosegue la sfida con Nedasekau.

12.50 Nedasekau fa vibrare l’asta ma va su! Il bielorusso supera al primo colpo anche ai 2.33.

12.49 La svizzera Ajla Del Ponte ottiene il pass per la finale con il crono di 7.19. Seconda posizione per la slovena Maja Mihalinec Zidar (7.25).

12.47 Sta per partire la seconda semifinale dei 60 metri femminili.

12.46 ELEVAZIONE SPLENDIDA DI TAMBERI! L’azzurro si rimette in testa superando in grande stile anche i 2.31. Continua questa sfida di alto livello fra due meravigliosi atleti.

12.45 LA ZAMPATA DI NEDASEKAU! Il bielorusso riesce a superare i 2.31 alla prima e mette pressione su Tamberi.

12.44 Il belga Carmoy esce di scena. La sfida per l’oro è quindi fra Nedasekau e Tamberi.

12.43 La francese Carolle Zahi è prima nella prima semifinale dei 60 metri femminili con il crono di 7.21. Qualificazione centrata anche per la tedesca Jennifer Montag (7.27).

12.41 Triplo errore per Potye ai 2.29. Già delineati i tre che saliranno sul podio nel salto in alto: Tamberi, Nedasekau e Carmoy.

12.39 Stanno per cominciare le semifinali dei 60 metri femminili.

12.37 Nedasekau ottimo ai 2.29! Salto nettamente più efficace del bielorusso rispetto a quello dei 2.26.

12.36 Buca il primo salto ai 2.29 il belga Carmoy. Stessa cosa per Potye.

12.33 SALTO DIVINO DI GIANMARCO TAMBERI! Fase di decelerazione e arco splendido da parte del marchigiano che aspetta tutti ai 2.31.

12.31 Errore per Nedasekau al primo tentativo a quota 2.29. Fra pochissimo il terzo salto di Gianmarco Tamberi!

12.30 Terzo errore per il lituano Glebauskas ai 2.26: eliminazione per lui.

12.29 Nikitin ha preso la decisione di lasciarsi un salto per la sessione successiva: tentativo disperato per l’ucraino per cercare di ambire al podio.

12.27 Rischiano di arenarsi le prove dell’ucraino Nikitin e del lituano Glebauskas: errore per entrambi al secondo tentativo ai 2.26.

12.25 Bel salto per il tedesco Potye che vola ai 2.26, eguagliando il primato personale.

12.23 Primo errore della gara per il lituano Glebauskas e l’ucraino Nikitin.

12.21 Salto veramente brutto da parte del tedesco Przybylko ai 2.26. Il teutonico si fa male dopo l’esecuzione alla caviglia destra.

12.19 Il belga Carmoy, dopo un paio di errori ai 2.23, effettua un grande salto alla misura dei 2.26.

12.16 CURVA MERAVIGLIOSA DI GIANMARCO TAMBERI! Il capitano dell’Italia in questi europei supera con margine i 2.26 e si issa nuovamente in prima posizione.

12.15 Nedasekau sfiora l’asticella e la fa vibrare, ma riesce comunque a superare la misura. Tocca ancora a Tamberi!

12.14 Si sale a quota 2.26: i primi due a saltare saranno Nedasekau e Tamberi.

12.12 L’ungherese Jankovics è il primo ad uscire di scena nella finale del salto in alto, non riuscendo a valicare la misura dei 2.23.

12.09 Nedasekau ha fatto la misura dei 2.23: il principale rivale di Tamberi rimedia dopo il primo errore.

12.07 Sin qua solo in quattro hanno superato la quota dei 2.23 nel salto in alto: il tedesco Potye, l’ucraino Nikitin, il lituano Glebauskas e Gimbo Tamberi.

12.05 Pichardo non si migliora, ma è oro in ogni caso. Il portoghese si prende la medaglia del metallo più pregiato nel salto triplo maschile.

12.03 INCREDIBILE ALEXIS COPELLO! L’azero reagisce al 7.01 del tedesco piazzando il 7.04. Azerbaijan d’argento nel salto triplo maschile.

12.01 Max Heb trova la misura sopra i 7 metri! Il tedesco mette pressione a Copello e prenota l’argento.

12.00 Non si migliora Tobia Bocchi nell’ultimo salto, ma chiude comunque in quarta posizione. Il capitano Tamberi gli dà il cinque per l’ottima gara disputata.

11.59 OTTIMO INIZIO PER GIANMARCO TAMBERI! Stacco eccellente e 2.23 superato. Prima piazza per l’azzurro.

11.57 Errore inaspettato per Nedasekau ai 2.23. Adesso è il turno di Gianmarco Tamberi!!

11.55 Nel salto in alto tutti hanno superato la quota dei 2.19. Fra pochissimo entrerà in gara Gianmarco Tamberi che salterà dopo Nedasekau.

11.52 Niente da fare nemmeno per l’azero Copello: finale ormai cristallizzata in tutte le posizioni dalla seconda tornata di salti.

11.50 Quarto salto nullo consecutivo per il tedesco Heb che rimane inchiodato in terza piazza.

11.48 Per Tobia Bocchi arriva il secondo nullo della gara. Rimane solo un salto per l’azzurro che resta comunque attaccato ad un quarto posto di prestigio.

11.46 Ottimo inizio per il bielorusso Maksim Nedasekau ai 2.19.

11.43 Nel salto in alto tutti hanno superato la misura dei 2.15 al primo tentativo eccetto Daniel Jankovics che ci è riuscito al secondo. Adesso entrerà in gara Nedasekau e, successivamente, Gianmarco Tamberi.

11.40 Rimane cristallizzata la classifica del salto triplo maschile dopo la quarta sessione di salti: il portoghese Pichardo al comando davanti all’azero Copello e al tedesco Heb.

11.35 Tobia Bocchi stacca troppo presto ed effettua un salto piuttosto corto. L’azzurro rimane comunque in quarta posizione dopo il quarto turno di salti.

11.31 Gianmarco Tamberi decide di entrare ai 2.23. Il bielorusso Nedasekau entrerà invece ai 2.19. La decisione del marchigiano è evidentemente improntata alla volontà di volare molto alto.

11.27 Tobia Bocchi sbaglia la ricorsa ed incappa in un salto nullo al terzo tentativo.

11.26 Viene presentata la finale del salto in alto: grandi aspettative per l’Italia con Gianmarco Tamberi!

11.24 Dario Dester si ferma ai 4.40 nel salto con l’asta. Di fatto le speranze di medaglia finiscono qui per il 21enne italiano.

11.22 Dario Dester sbaglia ancora ai 4.60 nel salto con l’asta valido per l’eptathlon. Le cose si farebbero complicate per l’azzurro in caso di triplo errore.

11.19 Colpo di scena nel salto con l’asta dell’eptathlon maschile: lo svizzero Simon Ehammer, che era in lotta per il podio, commette tre errori ai 4.50 e prende zero punti, visto che aveva deciso di non disimpegnarsi ai 4.40.

11.16 GRANDE SALTO DI TOBIA BOCCHI! Il classe 1997 italiano si migliora di 20 centimetri e arriva ai 16.65. Ritrova la quarta posizione l’azzurro.

11.14 Dario Dester ha provato a cimentarsi con la misura dei 4.60: il primo tentativo dell’azzurro non va a buon fine.

11.12 Non si migliora il portoghese Pichardo che arriva a 17.09. Prima posizione ancora salda per il lusitano di origini cubane.

11.07 L’azero Alexis Copello si migliora notevolmente: 16.98 il suo secondo tentativo e seconda posizione per lui. Si fa più ardua la corsa al podio di Tobia Bocchi.

11.05 Buon inizio per Tobia Bocchi nella finale del salto triplo maschile: 16.45 il suo salto che vale la quarta posizione.

11.03 Comincia bene Dario Dester nel salto con l’asta dell’eptahlon: ottimo il primo tentativo ai 4.40.

11.02 Il portoghese Pichardo, nonostante una rincorsa problematica, salta fino ai 7.30 e mette già un’ipoteca sulla gara.

11.01 Sta per cominciare anche il salto con l’asta valido per l’eptahlon. L’azzurro Dester vuole rimontare dalla settima posizione.

10.59 Il polacco Adrian Swiderski arriva ai 16.27 e si mette in terza posizione.

10.58 L’armeno Levon Aghasyan si pianta completamente ed esegue un salto modesto: 15.54. Tobia Bocchi sarà l’ultimo a saltare in questa prima serie.

10.57 Il tedesco Max Heb, uno dei favoriti per il podio, balza in prima posizione con un’ottima prima misura: 16.96.

10.56 Il primo salto della gara è del rappresentante dell’Azerbaijan, Alexis Copello che arriva ai 16.69.

10.53 In corso la presentazione della prima finale di giornata che è già interessante per i colori italiani: quella del salto triplo maschile, dove sarà impegnato l’azzurro Tobia Bocchi.

10.51 Vittoria Fontana arriva settima ma piazza il primato personale e ottiene il tempo di ripescaggio per le semifinali (7.34). Ripescate anche la rumena Baboi (7.32) e la ceca Pirkova (7.34). Tra le prime quattro l’olandese Samuel (7.27), la svedese Payton (7.28), la francese Ombissa-Dzangue (7.30) e la slovena Mihalinec Zidar (7.31).

10.46 Nella quinta ed ultima batteria dei 60 metri femminili vedremo all’opera la campionessa italiana Vittoria Fontana.

10.45 La svizzera Del Ponte è prima con il crono di 7.26, seconda la greca Spanoudaki (7.33), terza la bulgara Eftimova (7.36), quarta la portoghese Santos (7.38). In questo momento, il tempo di Irene Siragusa è valido per il ripescaggio in vista della semifinale.

10.40 Si qualificano per il prossimo turno la finlandese Kemppinen (7.25), la tedesca Montag (7.25), la belga Rosius (7.30) e la svizzera Dietsche (7.33). Irene Siragusa è sesta con il tempo di 7.37.

10.37 Altra falsa partenza: stavolta è la danese Astrid Glenner-Frandsen a provocare il doppio sparo. Ammonizione per lei, visto che il tempo di reazione è lento.

10.35 Nella terza batteria dei 60 metri femminili sarà ai blocchi di partenza in corsia sette anche la nostra Irene Siragusa.

10.32 Vince la francese Zahi, con 7.22. Stesso tempo per l’olandese Sedney, mentre passano anche la slovacca Weigertova e l’austriaca Lindner.

10.31 Ben due false partenze e tre squalifiche nella seconda batteria. Si partirà?

10.19 La tedesca Lederer vince in 7.30 la prima batteria. Qualificate anche Ratnikova (Ucraina), Kora (Svizzera) e Neville (Irlanda).

10.14 Tra pochissimi partiranno le batterie dei 60 metri femminili.

10.12 In testa all’heptathlon troviamo sempre Mayer, con 4609 punti, 55 in più di Ehammer. Ancora settimo Dario Dester, con 4277.

10.10 Kevin Mayer vince anche la prova ad ostacoli con il crono di 7.78, davanti allo svizzero Ehammer, fermo a 7.82. Non arrivato il bielorusso Andraloits.

10.01 8.25 per Dario Dester, quarto nella batteria vinta dall’estone Lillemets. Un distacco importante per l’azzurro, che che verosimilmente perderà terreno.

9.55 Molto attesa nel pomeriggio anche la finale del salto con l’asta, con il fenomeno Duplantis chiamato a confermare la propria supremazia.

9.50 Alle 13 toccherà agli ostacolisti, ben cinque tra uomini e donne, che tenteranno l’accesso alla finalissima. In entrambe le discipline l’Italia ha legittime ambizioni di podio, nel segno di Luminosa Bogliolo e Paolo Dal Molin.

9.45 Subito dopo sarà la volta delle qualificazioni dei 60 metri femminili, dove Vittoria Fontana e Irene Siragusa cercheranno il pass per le semifinali.

9.40 Ad aprire il programma sarà però Dario Dester, impegnato nei 60 metri dell’heptathlon. L’azzurro è settimo dopo quattro prove, a causa due brutte prestazioni nel getto del peso (dove è arrivato il personale) e nel salto in alto.

9.35 Azzurri a caccia di medaglie, con Tobia Bocchi nel triplo, ma soprattutto Gianmarco Tamberi nel salto in alto. Un segnale di fiducia nella marcia verso Tokyo 2020.

9.30 Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla DIRETTA live della sessione mattutina dell’ultima giornata degli Europei indoor di atletica leggera. Ci aspetta un programma denso di appuntamenti, che prima della pausa vedrà disputarsi ben due finali: salto triplo e salto in alto maschile.

Il programma e gli azzurri in gara sabato 7 marzo

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE degli Europei Indoor 2021 di atletica leggera. A Torun (Polonia) va in scena l’ultima giornata di gare e l’Italia si gioca carte importantissime, si sogna in grande e si punta alle medaglie senza mezzi termini. Dopo l’oro di Marcell Jacobs sui 60 metri nella serata di ieri, si vuole continuare a sognare.

Gianmarco Tamberi andrà a caccia della medaglia d’oro nel salto in alto. Il marchigiano, forte del 2.35 saltato due settimane fa ad Ancona, ha saltato in scioltezza nel turno di qualifica e vuole confermarsi sul trono d’Europa dopo il sigillo di due anni fa a Glasgow: sarà battaglia vera col bielorusso Nedasekau e col tedesco Przybylko. Da seguire con grande attenzione Tobia Bocchi nella finale del salto triplo, Alessia Trost nell’atto conclusivo del salto in alto (già medagliata europea e mondiale indoor, ci si può aspettare la zampata della friulana) e la staffetta 4×400 maschile che si gioca delle carti importanti (meno quotata la staffetta femminile). Paolo Dal Molin e Luminosa Bogliolo ci possono provare sui 60 metri ostacoli.

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE degli Europei Indoor 2021 di atletica leggera: cronaca in tempo reale, minuto dopo minuto, gara dopo gara, per non perdersi davvero nulla. Si inizia alle ore 10.00 con la sessione mattutina, poi alle 17.00 via al programma serale con tutte le finali. Buon divertimento a tutti.

Foto: FIDAL COLOMBO/FIDAL

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

LIVE Parigi-Nizza 2021, prima tappa in DIRETTA: Sam Bennett vince in volata, battuti Demare e Pedersen

Atletica, Europei Indoor: Duplantis e Mahuchikh volano, stoccate di Del Ponte e Mamona. Italia a secco in staffetta