Le Samyn 2021, Mathieu van der Poel l’uomo da battere. Circuito finale tra salite e pavé

Continua la marcia di avvicinamento alle grandi classiche del Nord. Arrivato il mese di marzo, il ciclismo internazionale sta riscaldando i motori per le grandi corse di un giorno, con i favoriti che stanno saggiando la loro gamba in vista degli appuntamenti più importanti. Si resta in Belgio per la terza gara in quattro giorni: dopo la Omloop Het Nieuwsblad e la Kuurne-Bruxelles-Kuurne, domani sarà il turno della Le Samyn 2021, arrivata alla cinquantaduesima edizione e dedicata all’omonimo corridore francese, vincitore della prima edizione nel 1968 ma deceduto in un incidente di corsa l’anno dopo.

Una gara di 204 chilometri che si può distinguere in due parti distinte. I primi cento chilometri sono vallonati, caratterizzati da alcuni saliscendi che potranno mettere a dura prova le ruote veloci del gruppo, ma che lasciano lo spazio per rifiatare. Dal chilometro 102 inizia la ‘rumba’: si entra in un circuito di 23 chilometri e mezzo da ripetere per quattro volte, dove il gruppo affronterà Côte de la RoquetteChemin de WihériesCôte des NonettesCôte du Calvaire e il tratto di pavé di Chemin de Bellevue, situato a tre chilometri dall’arrivo.

Fra i protagonisti annunciati ci sarà Mathieu van der Poel: il corridore della Alpecin-Fenix vuole mettere benzina in corpo in vista degli appuntamenti di fine marzo e, dopo l’eroico tentativo di ieri alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne, siamo sicuri che vorrà accendere nuovamente la corsa e proporsi ancor di più come l’uomo da battere nelle grandi classiche. Presente anche il vincitore dello scorso anno Hugo Hofstetter (Israel-Start Up Nation), che regolò gli avversari in uno sprint ristretto. A cui vorrà arrivare anche John Degenkolb (Lotto-Soudal), rimasto a secco domenica, e Florian Senechal (Deceuninck-Quick Step), trionfatore nell’edizione 2019.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Snowboard, Roland Fischnaller: “Sapevo di poter andare forte, ho lavorato tanto per questo obiettivo”

F1, Charles Leclerc: “Quando ho esordito nel Circus ero intimidito. Sono cresciuto senza sottovalutare nessuno”