Combinata nordica, gundersen LH/10 km Mondiali Oberstdorf 2021. Jarl Magnus Riiber favorito per il back-to-back dorato

Il 4 marzo 2021 verrà conferito il VII titolo iridato individuale maschile di combinata nordica della 10 km gundersen con salto da trampolino grande. Questa gara può essere considerata la “figlia” della sprint, format che venne concepito a metà anni ’90 e prevedeva un salto su Large Hill seguito da 7,5 km di fondo. Tale prova venne inserita nel programma dei Mondiali a partire dall’edizione 1999. Con la rivoluzione del 2008, il chilometraggio è stato innalzato a 10 km.

Sino a oggi, sono cinque i combinatisti capaci di laurearsi campioni del mondo nella gundersen di 10 km con salto su large hill. Fra di essi, l’unico in grado di ripetersi è stato il tedesco Eric Frenzel, vincitore nel 2013 e nel 2019. Oltre al teutonico, vi sono altri due atleti in attività riusciti a conquistare un oro iridato in questa competizione. Si tratta del suo connazionale Johannes Rydzek (2017) e dell’austriaco Bernhard Gruber (2015).

Si contano invece cinque uomini tuttora in azione ad aver già arpionato una medaglia mondiale. In questo gruppo, Rydzek e Frenzel si sono issati a quota 3:
3 – FRENZEL Eric [GER] (Oro 2013 e 2019; Bronzo 2011)
3 – RYDZEK Johannes [GER] (Oro 2017; Argento 2011; Bronzo 2015)
2 – GRUBER Bernhard [AUT] (Oro 2015; Argento 2013)
1 – WATABE Akito [JPN] (Argento 2017)
1 – REHRL Franz-Josef [AUT] (Bronzo 2019)

Volgendo lo sguardo alle nazioni, quella ampiamente più blasonata è la Germania, impostasi 3 volte, pari al 50% delle competizioni disputate sinora. Si conta invece 1 affermazione per Stati Uniti, Francia e Austria.

Sono sei i Paesi ad aver raccolto almeno una medaglia iridata nella gundersen di 10 km con salto su trampolino grande. Alla luce di quanto appena esposto, non sorprende che sia proprio la Germania a capitanare la graduatoria. I tedeschi però non hanno grande margine sulla Francia, che ha sempre saputo togliersi grandi soddisfazioni.
7 (3-2-2) – GERMANIA
5 (1-1-3) – FRANCIA
3 (1-1-1) – AUSTRIA
1 (1-0-0) – USA
1 (0-1-0) – GIAPPONE
1 (0-1-0) – NORVEGIA

Dunque nessuna medaglia per l’Italia, il cui miglior risultato in questo format è rappresentato dal 6° posto ottenuto da un giovanissimo Alessandro Pittin a Liberec 2009.

STAGIONE 2020-2021
Nella stagione in corso si sono disputate 6 gundersen di 10 km con salto su Large Hill, nelle quali si sono imposti 4 atleti diversi e sono complessivamente saliti sul podio 10 uomini differenti.

I combinatisti che hanno raccolto più successi sono Jarl Magnus Riiber e Vinzenz Geiger, capaci di primeggiare in 2 occasioni a testa. Il norvegese si è imposto due volte a Kuusamo, mentre il secondo ha fatto altrettanto a Klingenthal. Hanno invece ottenuto 1 singola affermazione Jens Lurås Oftebro e Akito Watabe.

In tema di podi, comandano invece Riiber e Watabe, entrambi issatisi a quota 3. Lo scandinavo (2-1-0) associa un terzo posto alle sue vittorie, mentre il giapponese (1-1-1) si è attestato una volta in seconda e una in terza piazza. Sono 2 i top-three di Geiger (2-0-0), così come quelli di Oftebro (1-0-1), Fabian Rießle (0-2-0)  ed Eric Frenzel (0-1-1). Hanno infine in carniere un podio anche Johannes Lamparter (0-1-0), Manuel Faißt (0-0-1), Ryota Yamamoto (0-0-1) e Lukas Greiderer (0-0-1).

Dunque sinora sul podio delle prove gundersen con salto su Large Hill hanno sventolato le bandiere di quattro diverse nazioni. Il Paese più blasonato è la Germania con 7 (2-3-2), seguita dalla Norvegia a 5 (3-1-1). Il Giappone si attesta a 4 (1-1-2). Chiude l’Austria a 2 (0-1-1).

In casa Italia il miglior risultato è un 13° posto firmato da Samuel Costa nella seconda delle tre prove di Kuusamo. Questi i risultati di tutti gli azzurri impegnati in stagione in questo format di gara.
COSTA Samuel: 16 – 13 – 21 – 19 – 34 – 31
BUZZI Raffaele: 40 – 29 – 29 – 26 – 40 – 41
KOSTNER Aaron: 19 – 30 – 39 – 37 – 33 – 22
PITTIN Alessandro: X – X – X – 29 – X – X
BEZZI Giulio: 47 – 47 – 44 – X – X – X

La “X” indica assenza.
L’ordine delle competizioni è Kuusamo I, Kuusamo II, Kuusamo III, Lahti, Klingenthal I, Klingenthal II
Ovviamente, nessun italiano sarà della partita causa il ritiro dell’intera squadra.

PRECEDENTI OBERSTDORF
A differenza di quanto avviene nel salto con gli sci, disciplina in cui Oberstdorf è autentica location di culto, per la cittadina dell’Allgäu la tradizione alla voce combinata nordica è alquanto scarna. Mondiali a parte (già ospitati nel 1987 e nel 2005), è invero stata presente in calendario solo sporadicamente.
In tempi recenti si è gareggiato sullo Schattenbergschanze solamente tre volte (2012, 2014, 2020). I tre atleti saliti sul podio nove anni fa si sono tutti ritirati. Eric Frenzel e Akito Watabe hanno invece concluso rispettivamente primo e terzo nel 2014, mentre nel più pregnante precedente dello scorso anno la vittoria è andata a Jarl Magnus Riiber, che ha preceduto Jens Lurås Oftebro e Franz-Josef Rehrl.

Guardando invece alla storia dei Mondiali, è andata in scena una sola competizione con salto su Large Hill (seppur nel format della sprint).
Nel 2005 la medaglia d’oro andò al tedesco Ronny Ackermann (oro), il quale ebbe la meglio sui norvegesi Magnus Moan (argento) e Kristian Hammer (bronzo).

FOTO: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

America’s Cup, i numeri delle partenze di Luna Rossa in Prada Cup. Un’arma da sfruttare contro New Zealand

Sci alpino, calendario fine settimana Jasna e Saalbach: programma, orari, tv, streaming